Lunedì, 15 Luglio 2024
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Disoccupazione: il 42,6% degli under 30 senza lavoro. Camera di Commercio e Comune di Arezzo uniscono le forze

La difficoltà, per gli under 30 che scelgono una carriera imprenditoriale, è riuscire a mantenere la propria azienda attiva e competitiva, soprattutto nei primi due anni. Chi invece decide di intraprendere altri percorsi lavorativi deve scontrarsi...

La difficoltà, per gli under 30 che scelgono una carriera imprenditoriale, è riuscire a mantenere la propria azienda attiva e competitiva, soprattutto nei primi due anni. Chi invece decide di intraprendere altri percorsi lavorativi deve scontrarsi con un altro problema: la possibilità di ottenere un contratto e, molto più semplicemente, trovare un lavoro.

I dati in provincia di Arezzo parlano chiaro. La disoccupazione giovanile, nel solo 2015, tocca arriva al 42,6% con un incremento di 3,4 punti percentuale rispetto all'anno precedente (nel 2014 era il 39,2%). Una cifra esorbitante che supera di misura quanto registrato nelle province di Firenze (24,3%), Siena (35,6%) e Grosseto (25,1%). Le ragioni sono tutte rintracciabili nell'alta vocazione artigianale del territorio aretino e nella crisi che ha abbracciato l'intero comparto.

Una situazione preoccupante che riporta l'attenzione del mondo economico e amministrativo sulla necessità di adoperarsi per arginare i danni.

Partendo da questa analisi ecco che Camera di Commercio e Comune di Arezzo hanno deciso di spingere ancora di più sull'acceleratore e rafforzare il legame tra scuola e mondo del lavoro. Così è stato sottoscritto un protocollo d'intesa per la creazione di impresa e alternanza tra i banchi delle aule degli istituti superiori e le realtà produttive. Sono stati l'assessore comunale Lucia Tanti, il presidente di Unioncamere Toscana Andrea Sereni e il segretario generale della Camera di Commercio di Arezzo, Giuseppe Salvini ad illustrare i contenuti dell'accordo.

"Entrambe le istituzioni firmatarie del protocollo - spiegano dalla Camera di Commercio - ritenendo fondamentale dare un concreto sostegno all'orientamento professionale dei giovani e degli inoccupati, rafforzeranno i servizi già operativi nelle rispettive strutture e metteranno in comune le esperienze maturate e le dotazioni strumentali. Si tratta di un importante sinergia tra i due enti maggiormente interessati impegnati nella crescita economica della città. Un protocollo in grado quindi di potenziare e diffondere maggiormente tra i giovani le informazioni e la conoscenza delle opportunità esistenti a sostegno della creazione d'impresa e dell'orientamento".

Le imprese giovanili presenti nella provincia di Arezzo a metà del 2016 erano complessivamente 3.343, pari all'8,8% del totale delle imprese. Rispetto alla stessa data del 2015 se ne contano 72 in meno, con una variazione percentuale del -2,1%. Questa è l'ultima di una serie di flessioni che tratteggiano una tendenza che sta caratterizzando l'imprenditoria giovanile aretina ormai da alcuni anni.

"La nascita di nuove imprese giovanili quindi non riesce a bilanciare il progressivo invecchiamento del sistema imprenditoriale aretino anche per la selezione molto più marcata a cui sono soggette le imprese giovanili tradizionalmente meno strutturate e capitalizzate - ha ribadito il segretario Salvini - E' quindi necessario che queste giovani iniziative di business siano in grado di superare la fase di start-up e riescano ad affermarsi sul mercato. Per realizzare questo risultato è indispensabile fornire ai giovani imprenditori una formazione in grado di supportarli e accompagnarli nei primi anni di vita delle loro aziende".

Per quanto concerne gli istituti scolastici del capoluogo, saranno affrontati gli impegni che la legge 107/2015 (la cosiddetta Buona Scuola) stabilisce per l’alternanza scuola-lavoro. Gli studenti aretini saranno chiamati a partecipare a specifici periodi di formazione scolastica e apprendimento “sul campo” negli ultimi tre anni delle scuole secondarie superiori. Tali percorsi si articoleranno in 200 ore nei licei e 400 ore negli istituti tecnici e professionali con valutazione finale dei risultati in sede di esame di maturità.

Si parla di

Video popolari

ArezzoNotizie è in caricamento