Economia

Terremoto nel Cda di Arezzo Fiere e Congressi: si dimettono 3 consiglieri su 5

Mossa eclatante per accendere i riflettori sulla gestione della struttura: "Manca condivisione nelle scelte"

Una bomba scuote il consiglio di amministrazione di Arezzo Fiere e Congressi. Tre consiglieri su cinque hanno rassegnato le dimissioni. Un segnale forte verso i soci - Regione in testa e poi Comune di Arezzo, Provincia, Camera di Commercio - per mettere in luce l'aspetto di maggior criticità: "Manca condivisione nelle scelte". Adesso il presidente, Andrea Boldi, resta solo assieme al suo vice, Elio Vitali, in quota Regione Toscana. Se ne vanno gli altri consiglieri: Cristiano Cini (Provincia) Michele Morelli (Comune) e Anastasia Mancini (Provincia).

La situazione in cui versa Arezzo Fiere e Congressi non è delle più floride, con un buco milionario (preesistente, ma che ancora grava sui conti). Il presidente Boldi e il sindaco di Arezzo sono da settimane in rovente contrasto: il caso è approdato in consiglio comunale, generando numerose polemiche. Boldi aveva risposto per le rime agli attacchi.

Prima della fine dell'anno si sarebbe dovuto tenere un Cda, con la discussione della proposta di chiusura di accordo con Ieg (a cui, intanto, è saltato l'ingresso in Borsa): invece della rata pattuita da oltre un milione, Arezzo Fiere avrebbe puntato a monetizzare subito 4 milioni dovuti da Ieg per la cessione di OroArezzo e Gold/Italy

 Ma prima, sono arrivate le dimissioni in blocco della maggioranza dei consiglieri, che chiedono chiarezza e condivisione nelle scelte. Consiglieri che vivono con apprensione questo momento, anche in considerazione del fatto che il piano industriale presentato da Boldi non è stato ancora approvato, con un rinvio dell'esame al prossimo anno.

C'è poi sul piatto la questione, tutt'altro che secondaria, della gestione ordinaria, degli stipendi dei dipendenti, delle bollette. Le ultime dismissioni da 500mila euro (con Confagricoltura e Banca Popolare di Cortona che hanno acquisito spazi in via Spallanzani) sarebbero dovute servire per pianificare il futuro, anche se urgono denari freschi per mandare avanti la struttura.

La nota congiunta di Comune di Arezzo e Provincia

Prendiamo atto delle dimissioni irrevocabili, da consiglieri di amministrazione di Arezzo Fiere, presentate dall’Avv. Michele Morelli, indicato dal Comune di Arezzo, e dall’Avv. Anastasia Mancini e da Cristiano Cini, designati dalla Provincia di Arezzo.

Le motivazioni di tali dimissioni, che non possiamo non condividere, denunciano uno stato di profondo disagio, più volte rappresentato, e dimostrano, se mai ce ne fosse bisogno, la professionalità, la correttezza e l’estrema diligenza, con cui gli stessi hanno adempiuto agli obblighi connessi a tale incarico, sempre a salvaguardia e tutela dell’interesse di Arezzo Fiere e degli enti pubblici che ne sono soci.

I tre consiglieri hanno sempre dimostrato grande impegno e massima competenza in un contesto gestionale già in partenza complesso.

Per i soci pubblici, pur nella constatazione di una condizione estremamente critica, rimane l’obiettivo necessario e condiviso di ripartire celermente con l’operatività dell’ente, rafforzandone e rilanciandone la sua centralità nella promozione dello sviluppo economico dell’intera comunità aretina, in un settore considerato strategico per la vocazione imprenditoriale del territorio.

E’ proprio al fine di sbloccare l’impasse venutasi a creare che deve essere letta la scelta dei consiglieri di rassegnare le dimissioni: un gesto di responsabilità nell’interesse della società e del territorio.

In questa prospettiva e con questo spirito, nel ringraziare i tre consiglieri per l’impegno profuso, peraltro a titolo gratuito, è necessario procedere senza ulteriori indugi ad un’inversione di rotta; inversione che non potrà prescindere dalla immediata individuazione di un nuovo organo amministrativo cui affidare la soluzione delle attuali problematicità e il rilancio di Arezzo Fiere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terremoto nel Cda di Arezzo Fiere e Congressi: si dimettono 3 consiglieri su 5

ArezzoNotizie è in caricamento