Cresce il consumo di gelato. Viti (Cna): "In testa sempre gli evergreen: cioccolato, nocciola, limone, pistacchio e crema"

Sventola il tricolore italiano sull’Everest del gelato europeo: il primato produttivo raggiunto nel 2016 è stato migliorato l'anno dopo con 606 milioni di litri, l’equivalente ogni giorno di un treno con 60 container a bordo. Quest'anno la...

IMG_5535

Sventola il tricolore italiano sull’Everest del gelato europeo: il primato produttivo raggiunto nel 2016 è stato migliorato l'anno dopo con 606 milioni di litri, l’equivalente ogni giorno di un treno con 60 container a bordo. Quest'anno la produzione di gelato italiano è stimata in crescita del 10/12% da un'indagine del Centro Studi CNA.

Il mercato mondiale del gelato vale 15 miliardi di euro, secondo l’Osservatorio Sigep, con un tasso di crescita annuo del 4%. Quello europeo si ferma a nove miliardi con 150mila addetti (fonte Unioncamere). Il mercato italiano vale 2 miliardi con circa 40mila addetti: la produzione è per un terzo industriale, per due terzi artigianale. Il giro d’affari del gelato artigianale è intorno al miliardo e mezzo con circa 30mila addetti. Quanto ai consumi, nel 2017 in Italia ogni adulto – stranieri compresi - avrebbe mangiato tra i 6,5 e i 7 kg di gelato.

"La tendenza sempre più spiccata a un consumo sostenibile e salutista sta orientando anche la gelateria – è il commento di Carlo Viti, portavoce dei gelatieri di CNA Arezzo - A partire dagli ingredienti, naturali e bio, il trend coinvolge tutta la catena produttiva, per un impatto ambientale sempre più basso, compreso il packaging, che deve tendere al massimo della biodegradabilità. Si vanno sempre più diffondendo gelaterie a km 0 con prodotti del territorio".

Immutati i gusti più richiesti.

"In testa c'è sempre il cioccolato – dichiara Carlo Viti - seguito da nocciola, limone, pistacchio e crema. A fare la differenza con il passato sono gli ingredienti. Il cioccolato si preferisce di origine fondente con spiccata preferenza per il 70%. La nocciola è rigorosamente di qualità riconosciuta, il limone è meglio se italiano. Il pistacchio arriva da Bronte ma anche da Iran e Afghanistan e non ha niente a che vedere con certi prodotti indecifrabili color verde fosforescente un tempo (e talvolta pure oggi) spacciati come gelato al pistacchio. E la crema non può fare a meno di uova da galline all’aria aperta e magari, nella versione zabajone, di marsala d’annata".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Ma il gelato sta sconfinando anche nella gastronomia di gamma alta.

"Non c’è cuoco stellato – osserva il Portavoce CNA - che non presenti nei propri menu il gelato sotto forma di ingrediente salato: ostrica e ricci di mare, gorgonzola e pesto genovese, la scelta è ampia. E anche il classico sorbetto spezza pasto è riproposto in forma inedita: al cetriolo o alla carota. Nei cocktail il gelato è presentato sotto forma di granita, trasformato in cubetto da inserire nei cocktail classici o di ultima generazione: è il caso del sorbetto “fragola e peperone rosso” incluso nel Bloody Mary, a base di vodka e succo di pomodoro".

Anche il cono si è trasformato da semplice sostegno ad autentico prodotto autonomo: al cioccolato e alla granella di nocciola, a cestino o a conchiglia, più o meno grandi (tra i dieci e i venti centimetri), l’offerta è sempre più diversificata".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

  • Schianto frontale e strada chiusa: 4 feriti, di cui tre ragazzi. Grave una 42enne

  • Tutti i sindaci di Arezzo dal 1946 ad oggi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento