Martedì, 15 Giugno 2021
Economia

Oltre 660 milioni di tamponi prodotti in Usa saranno "targati" Arezzo: così un'azienda della città è in prima linea nella lotta al Covid

Maxi commessa per l'utilizzo di un sistema automatizzato messo a punto da Ars Srl, che permetterà alle imprese statunitensi di produrre ben 665milioni di tamponi in 12 mesi

Oltre 665 milioni di tamponi e test rapidi prodotti negli Stati Uniti saranno targati Arezzo. Da un lato la tecnologia più avanzata, dall'altro la creatività e l'intraprendenza degli imprenditori hanno infatti portato un'azienda aretina a imporsi sul mercato statunitese. Si tratta della Ars Srl, impresa che da  30 anni sviluppa e fornisce soluzioni per l’automazione flessibile. Il cuore è ad Arezzo, ma lo sguardo punta lontano: collabora infatti con filiere produttive in molti Paesi dislocati sui 5 continenti. 
Di questi giorni la notizia di una nuova, importante commessa. Si chiama FlexiBowl® ed è una soluzione robotica prodotta che è stata scelta dalla filiera di
produzione di tamponi e test rapidi negli Stati Uniti, nella quale è utilizzata per alimentare gli impianti automatici impiegati nella lotta alla pandemia. 

"Questa volta - spiega l'azienda in una nota -, verrà adottata dalle imprese americane che si sono aggiudicate il sì del U.S. Department of Defense e Department of Health and Human Services. 665 milioni è il numero di tamponi e test rapidi che verranno prodotti nei prossimi 12  mesi con FlexiBowl®. Un numero impressionante, che diventa realtà grazie alla alta produttività per cui la soluzione di ARS si distingue tra i sistemi industriali del comparto".

I numeri di cui parla l'azienda sono resi possibili anche "grazie agli ingenti fondi stanziati dal Governo americano nel contrasto alla pandemia, dotando la popolazione di strumenti diagnostici veloci e a uso domestico. Numeri che raccontano anche della capacità di risposta rapida e seria di partner tecnologici come Ars, che con la sua tecnologia è stata scelta, ancora una volta, per fare parte della catena produttiva del Life Science".ARS-2L’azienda collabora da anni come partner tecnologico e di processo in contesti internazionali. Il numero di prodotti Life Science realizzati tramite soluzioni Ars sono vertiginosi: "si parla di garantire l’alimentazione di catene produttive che hanno già immesso annualmente sul mercato oltre 2 miliardi di dispositivi medici".
Il realtà il sistrema messo a punto dall'azienda aretina può essere impiegato in molti settori:  dall'health care all’elettronica, dall’automotive all’aerospaziale, dalla cosmetica alla meccanica.

"Una robotica accessibile a più comparti, compatibile con vari processi e dispositivi, perché progettata secondo la direttrice della semplicità di integrazione. Affidabile, facile da utilizzare e alla portata di tutti".
"Noi guardiamo al futuro e puntiamo sui giovani", spiega Marco Mazzini, impegnato nella robotica dagli anni ’80 e fondatore dell’impresa, che oggi raccoglie competenze specialistiche di alto profilo con una forte presenza giovanile accostata a seniority esperte.

"Chi produce oggi chiede tecnologia avanzata, affidabile, sicura e facile da usare e ne ha bisogno rapidamente. Ogni giorno ci impegniamo in questa sfida, facendo ricerca e sviluppo continui, per fornire soluzioni di reale valore aggiunto" il commento di Stefano Martini, Sales Manager di ARS.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oltre 660 milioni di tamponi prodotti in Usa saranno "targati" Arezzo: così un'azienda della città è in prima linea nella lotta al Covid

ArezzoNotizie è in caricamento