Giovedì, 29 Luglio 2021
Economia

Corridoi di Gold Italy in fermento, Boldi: "Aspettative dal mercato cinese. Folta delegazione dal Sud America"

Da questa mattina i corridoi di arezzo Fiere hanno iniziato a brulicare di addetti ai lavori del settore orafo. Ha aperto i battenti Gold Italy, una fiera dedicata alla migliore produzione orafa Made in Italy. Ci sono buone aspettative nell'aria...

golditaly70

Da questa mattina i corridoi di arezzo Fiere hanno iniziato a brulicare di addetti ai lavori del settore orafo. Ha aperto i battenti Gold Italy, una fiera dedicata alla migliore produzione orafa Made in Italy. Ci sono buone aspettative nell'aria, un cauto ottimismo dovuto ai dati che vedono quello di Arezzo come unico distretto italiano a non avere il segno meno davanti al fatturato e alla produzione.

Questa fiera dal canto suo si è fortemente caratterizzata ed ha ricavato uno spazio ben delineato nel calendario annuale attirando buyer ben selezionati e 300 brand di alto livello nella gioielleria.

"C'è una buona aspettativa, questo è un periodo dell'anno interessante anche per il riassortimento in vista delle feste di Natale - osserva Andrea Boldi presidente di arezzo Fiere - ci sono un numero di buyer importanti, abbiamo visto un ottimo riscontro americano, cinese e dall'ex unione sovietica, a Dubai c'è un rallentamento dell'export ma sono comunque presenti, c'è una folta delegazione dal Sud America per rendersi conto di quello che è il nostro settore industriale e questo porterà sicuramente dei benefici."

Presenti al taglio del nastro il presidente di Italian Exhibition Group Lorenzo Cagnoni, il presidente di Arezzo Fiere Andrea Boldi, il sindaco di Arezzo Alessandro Ghinelli, il Prefetto Anna Palombi, il presidente della Provincia Roberto Vasai , l'assessore alle attività produttive, credito, turismo, commercio della Regione Toscana Stefano Ciuoffo, il presidente di Confindustria Federorafi Ivana Ciabatti, il presidente della Camera di Commercio Andrea Sereni e Beppe Angiolini, Art Director di GOLD/ITALY e il questore di Arezzo Bruno Failla.

GOLD/ITALY presenta al mondo l'innovazione creativa di selezionate aziende manifatturiere provenienti da tutti i distretti orafi italiani: Arezzo, Vicenza, Valenza, Torre del Greco, Milano. Un appuntamento immancabile per buyer specializzati provenienti da 30 Paesi.

La manifestazione presenta quest'anno un nuovo format, fortemente orientato al business, con un innovativo programma di business matching digitale che affianca il tradizionale modello fieristico di successo. Il nuovo progetto è una perfetta integrazione dello strumento digitale con quello fisico: propone una piattaforma on line all'interno della quale è possibile per le aziende selezionare i buyer delle realtà più adatte per tipologia, target e dimensioni, alle proprie esigenze distributive e per i buyer individuare i produttori più in linea con la propria clientela.

Sono oltre 650 gli incontri già programmati da aziende e buyer: un importante risultato che attesta, da una parte, la capacità di IEG nel proporre strumenti funzionali e di concreto supporto al settore, dall'altra la ricettività delle piccole e medie imprese italiane agli stimoli innovativi.

Sono tre le aree espositive speciali che caratterizzano la manifestazione, giunta quest'anno alla sua 6a edizione: la prima dedicata alla gioielleria, la seconda è quella del Cash & Carry, e la terza infine, denominata Gold/Italy Tech, è dedicata alla tecnologia. Chiude l'esposizione la sezione dedicata al packaging.

Infine, alla ricchissima offerta della Fiera si aggiunge la splendida accoglienza della città di Arezzo con eventi ed iniziative speciali nelle vie del centro storico.

Partner della manifestazione è UBI Banca che ha avviato la commercializzazione dei servizi dedicati al settore su tutti i distretti orafi italiani.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corridoi di Gold Italy in fermento, Boldi: "Aspettative dal mercato cinese. Folta delegazione dal Sud America"

ArezzoNotizie è in caricamento