Turismo, tiepida ripartenza: "Prenotazioni per agosto, ma solo da italiani". L'incognita del bonus vacanza

La campagna più gettonata rispetto alla città, in linea con la tendenza nazionale. E le strutture ricettive valutano le novità sul bonus vacanza comunicate negli ultimi due giorni

I telefoni delle strutture ricettive iniziano a squillare. Piano piano le prime prenotazioni arrivano, in questa ripartenza a dir poco timida del settore turistico. Dallo scorso 3 giugno, da quando cioè gli spostamenti sono di nuovo possibili in tutta la Penisola, gli addetti ai lavori attendono con il fiato sospeso. 

"Perché - spiega Laura Lodone di Confcommercio - sappiamo cosa ha fatto il Coronavirus al portafoglio degli italiani, ma non possiamo sapere cosa è accaduto nel loro cuore e quali decisioni adesso prenderanno". 

A circa 20 giorni dalla riapertura, nel primo giorno di stagione estiva, molte strutture sono vuote o a corto di prenotazioni. La città sembra quella che sta soffrendo maggiormente. 

"Migliore è la situazione nella campagna aretina - spiega Lodone - dove in effetti qualcosa si sta muovendo. Iniziano ad arrivare prenotazioni soprattutto per il mese di agosto e quasi esclusivamente da turisti italiani". 

Restano in brusca frenata gli arrivi dall'estero. I voli sono ancora pochi e in molti Paesi europei ed extraeuropei - come Gran Bretagna e Stati Uniti, che sono tra i mercati di riferimento - l'epidemia non ha ancora allentato la sua morsa. Tutto bloccato dunque in termini di viaggi e visitatori. 

"Come detto, ad essere più in difficoltà sono le strutture cittadine - spiega Lodone -. Ma  questonon è un fenomeno solo aretino: anche a Firenze sta accadendo la stessa cosa".

Chi è rimasto intrappolato nelle città durante il lockdown sembra voler approfittare delle vacanze per godersi finalmente la campagna (in altre parti d'Italia, vale lo stesso per mare e monti). Altri invece attendono ancora di capire se e quando potranno andare in vacanza: in questo caso potrebbero essere determinanti le prenotazioni dell'ultimo minuto. Il tutto però resta riferito al mercato interno italiano, perché per chi viene dall'estero le variabili sarebbero tante e tali da non incoraggiare le partenze. 

E il bonus vacanza? Le linee guida sono state comunicate due giorni fa e le strutture ricettive dell'Aretino stanno valutando attentamente se e come aderire. Quello che è chiaro è che il contributo potrebbe interessare una fascia ampia dei vacanzieri. Il tetto di 40mila euro di Isee infatti è quello a cui fa riferimento una famiglia media italiana. D'altro canto però pare complesso il meccanismo per utilizzarli e le strutture devono capire se riusciranno a gestirlo in modo corretto. 

Il bonus scatterà dal 1 luglio. E da allora si potrebbe capire se parte della stagione turistica sarà recuperabile. 

Resta invece bloccato tutto quel turismo legato ai convegni, alle fiere e anche ai grandi eventi sportivi che negli ultimi anni ha riempito le camere degli alberghi aretini. Le prenotazioni, in assenza di iniziative, latitano. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

  • Guida Michelin 2021: Arezzo c'è, con una conferma. L'elenco dei ristoranti stellati in Toscana

  • Covid e Natale: attesa per il nuovo Dpcm. Cenoni, aperture e spostamenti al vaglio del governo

  • Travolto assieme al cane mentre attraversa la strada: ferito 31enne

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento