menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il coronavirus non ferma la richiesta di Chianina

Manuela e Serena della Società Agricola Casalecchio sono due sorelle imprenditrici che raccontano come nei mercati della provincia la richiesta di carne di qualità e a chilometri zero non si sia fermata

Manuela e Serena della Società Agricola Casalecchio sono due sorelle e imprenditrici agricole legate dalla passione e dall’amore per la propria terra.

La Società Agricola Casalecchio con sede a Castel Focognano è una tipica azienda a conduzione familiare, arrivata alla quarta generazione alla guida.

“Ancora oggi le terre vengono coltivate e gli animali allevati nel rispetto del territorio, con lo stesso amore per la qualità e la genuinità dei prodotti che produciamo – spiega Manuela -  proprio in quest’ottica abbiamo aperto il punto vendita aziendale nell’ottobre del 2010, uno spaccio con vendita diretta della carne a km 0 di bovino marchio Igp Vitellone Bianco dell’Appennino Centrale, Chianinia Romagnola e Marchigiana e un ridotto numero di suini”.

Spinte dall’entusiasmo hanno iniziato “una piccola grande avventura” che oggi le porta ad essere fornitrici di cinque centri di cottura di alcune scuole della vallata di Arezzo per una cooperativa sociale del territorio.

La clientela ha mostrato da subito un grande apprezzamento sia per la carne che per la qualità del servizio offerto, loro Manuela e Serena, il mercoledì in Piazza Giotto ad Arezzo ed il sabato in Piazza Sergardi a Bibbiena, fanno anche i mercati di Campagna Amica.

“Ad Arezzo non ci siamo mai fermate perché il mercato anche in questi mesi di emergenza non ha mai smesso di lavorare mentre a Bibbiena siamo ripartire da due settimane – illustra Manuela – e qui abbiamo visto come in questo momento di  emergenza, la qualità di Campagna Amica fa la differenza, i genitori dei bambini che sono abituati a mangiare nelle mense che noi riforniamo, sono venuti appositamente per comprare la nostra carne perché vogliono la stessa garanzia e quindi, nonostante la fatica di affrontare un momento difficile, oggi hanno la possibilità di poter ritrovare lo stesso prodotto proprio nei mercati di Campagna Amica ed oltre alla nostra carne, poter scegliere tra le eccellenze a km zero del territorio provinciale. Arrivano mamme che si son sentite dire dai propri figli che le polpette che mangiano a casa, non sono buone come quelle della mensa, per noi è il risultato più grande e per questo dobbiamo ringraziare anche Coldiretti e Campagna Amica che ci danno possibilità di sviluppo e crescita continua”.

Tutte le scelte fatte negli anni da Manuela e Serena sono state compiute nella prospettiva della promozione del territorio e del prodotto Made in Italy, ci sono ristoranti della provincia che pretendono solo il loro prodotto.

“Parlare di km zero è fin troppo facile e semplice, lavorare e comprare a km zero è tutt’altro che semplice – dice Manuela – noi possiamo parlare di km zero, di qualità, di provenienza controllata e certificata garantita dal marchio Igp. Quello che negli anni ci ha gratificato maggiormente, noncuranti  della fatica e dei sacrifici che abbiamo fatto,  è l’amore per il nostro mestiere, per i nostri animali e per la nostra terra”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Il menestrello Grifo, il 'morto resuscitato' del castello di Poppi

  • Psicodialogando

    Perché sono affascinanti le donne mature?

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento