Confesercenti: "Chiusura anticipata di bar e ristoranti misura non necessaria"

Con il nuovo Dpcm, ristoranti e bar dovranno chiudere alle 24 ma dalle 21 sarà vietato consumare in piedi

Tra le novità principali del nuovo dpcm firmato nella notte dal premier Giuseppe Conte e dal ministro Roberto Speranza, che sarà in vigore per i prossimi trenta giorni c’è quella che riguarda  bar e ristoranti che  dovranno chiudere alle 24 ma dalle 21 sarà vietato consumare in piedi: potranno quindi continuare a servire i clienti solo i locali che abbiano tavoli, al chiuso o all’aperto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Confesercenti Arezzo giudica la chiusura anticipata dei pubblici esercizi” commenta Mario Checcaglini direttore di Confesercenti Arezzo “ una misura non necessaria. Le regole di distanziamento, sia all’interno che all’esterno di bar e ristoranti permettono ai titolari di garantire un servizio sicuro alla propria clientela. I titolari delle attività fino ad oggi hanno dimostrato tra l’altro di svolgere con professionalità il loro lavoro e di prestare particolare attenzione alle regole di distanziamento sociale per contenere la diffusione del Covid. Misure che tendono a individuarli come responsabili della diffusione del coronavirus sono sbagliate perché colpiscono un’intera categoria già in difficoltà. Sono invece necessari controlli più diffusi e più attenti negli spazi pubblici dove si assembrano persone, spesso giovani, senza alcun controllo da parte delle autorità, magari consumando superalcolici come è dimostrato dai fatti di cronaca segnalati alla Cadorna il weekend appena concluso".
"Confesercenti” aggiunge il direttore Checcaglini “naturalmente non  sottovaluta la crescita dei contagi e ritiene una priorità la salute dei cittadini. Al tempo stesso è convinta che l’aumento dei contagi di queste ore non possa essere frenata semplicemente chiudendo in anticipo bar e ristoranti, o eliminando i posti esterni ai locali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre: ipotesi coprifuoco. Novità su scuola e bus

  • Dilettanti, è ufficiale: stop ai campionati

  • Coronavirus Toscana: oggi 866 nuovi casi, 13 i decessi. La mappa provincia per provincia

  • Covid. Ecco la nuova ordinanza regionale. Giani: "Verso didattica a distanza e presenze contingentate nei centri commerciali"

  • Coronavirus: +812 casi oggi in Toscana e due morti. I dati, provincia per provincia

  • Dilettanti, ecco i campionati costretti allo stop

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento