menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus fobia, così gli aretini non viaggiano più. Turismo in ginocchio: "Chiesto lo stato di calamità"

Il blocco delle gite scolastiche e dei viaggi di istruzione, lo stop che in molti casi hanno subito convegni ed eventi di formazione, e la paura che porta a rimandare le vacanze a una data imprecisata, hanno creato una miscela esplosiva per il settore del turismo aretino. 

"Un disastro". Non ci sono mezzi termini per descrivere i riflessi della "Coronavirus fobia" sul settore del turismo e dei viaggi. Giorno dopo giorno - con un picco impressionante da lunedì scorso- le disdette da parte di aretini in partenza e turisti in arrivo si moltiplicano. "Fino a rischiare di far scendere il fatturato di alcune agenzie - spiega Laura Lodone di Confcommercio - prossimo allo zero".

Ma cosa sta accadendo? Il blocco delle gite scolastiche e dei viaggi di istruzione, lo stop che in molti casi hanno subito convegni ed eventi di formazione, e la paura che porta a rimandare le vacanze a una data imprecisata, hanno creato una miscela esplosiva per il settore del turismo aretino. 

"Gli operatori sono in difficoltà - spiega Lodone - perché molti gruppi stanno rinunciando ai viaggi. Una disdetta dietro l'altra. Gli aretini hanno paura di muoversi e hanno anche paura di non poter rientrare in Italia. La psicosi da Coronavirus sta creando danni enormi.  A questo si è aggiunta la sospensione dei viaggi di studio e delle gite scolastiche, fino al 15 di marzo, proprio nel periodo del picco delle partenze". 

Il clima di tensione e di preoccupazione ha portato ad annullare o rimandare anche vacanze più avanti nel tempo. Ci sono persone che hanno disdetto le vacanze per il prossimo agosto e comitive che hanno deciso di rimandare gite in paesi dove il non ci sono focolai, come in Portogallo. A peggiorare ancora la situazione sono arrivate le restrizioni per i viaggiatori per e dall'Italia: Grecia e Croazia ad esempio hanno sospeso le gite in Italia, i ragazzi francesi di ritorno da un viaggio di istruzione in Italia vengono messi in quarantena. Israele parla di quarantena per chi arriva dall'Italia e in Gran Bretagna gli italiani che partono dalle zone dei focolai vengono messi in quarantena.  

"Poi c'è il turismo in entrata - prosegue Lodone - che sta attraversando una terribile crisi. Nonostante infatti per Arezzo questo sia solitamente uno dei periodi più positivi, grazie al turismo congressuale, ad oggi alberghi e strutture ricettive hanno registrato disdette impressionanti. Si parla di cifre che oscillano tra il 70 e l'80 per cento. E gli alberghi restano vuoti". 

Confcommercio Toscana e le federazioni regionali del turismo hanno chiesto alle autorità, in virtù dell’eccezionalità della situazione, di “dichiarare lo stato di calamità, adottando misure valide a sostenere le aziende in questo periodo, come la moratoria sui mutui, lo slittamento del pagamento deitributi e delle rate della Rottamazione ter in scadenza il 28 febbraio”.

“A spaventare di più gli imprenditori – spiegano nella nota - è la totale imprevedibilità della situazione, che si evolve con una rapidità sconcertante. Non possiamo che affidarci a quanto ci dicono le autorità sia per fare previsioni economiche anche nel breve periodo sia per dare indicazioni operative ai nostri associati su come comportarsi in azienda”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Coronavirus, altri 76 contagi nell'Aretino e 29 persone guarite

social

'Che sarà', il brano ispirato a Cortona che arrivò secondo a Sanremo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Gossip Style

    Le borse più belle del 2021

  • Cucina

    La ricetta dei waffles

  • Psicodialogando

    I 4 motivi che spingono una donna verso l'uomo di potere

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento