Ondata di assunzioni alla Asl. Fp Cgil: "Ottenuta anche la rinuncia al preavviso per rafforzare la sanità pubblica"

320 infermieri e 160 operatori socio sanitari arriveranno a tempo indeterminato. Appello a tutti gli imprenditori che abbiano scorte di mascherine con i requisiti delle Fpp2

Gian Maria Acciai, segretario generale Fp Cgil Arezzo

Nella Asl Toscana sud est sono state deliberate altre 320 assunzioni di infermieri e 160 di operatori socio sanitari, tutti con contratto a tempo indeterminato. Numeri importanti che si vanno a rafforzare le decisioni prese a febbraio. Il raggiungimento dell’accordo per le assunzioni massicce in sanità è solo uno dei grandi impegni sindacali portati avanti dalla Funzione Pubblica della Cgil di Arezzo.

La notizia è rafforzata dal fatto che le chiamate per questi inserimenti lavorativi sono già cominciate e un ulteriore accordo sindacale con la Regione e le associazioni di categoria ha permesso di ottenere la rinuncia al preavviso. Un accordo non affatto scontato, ma che dà il senso della responsabilità che ogni componente sociale deve sentire in questo momento.

Case di riposo e altre strutture socio sanitarie, ad esempio, che vedranno chiamati i loro collaboratori per l’assunzione presso la Asl Toscana Sud Est non dovranno chiedere loro di restare il tempo del preavviso, ma dovranno liberare le risorse umane per poter rafforzare più velocemente la sanità pubblica impegnata sul fronte del contrasto al coronavirus.

“Siamo consapevoli del momento che stiamo vivendo, ma anche soddisfatti dei numeri ottenuti, un innesto importante che darà i suoi frutti anche dopo che questa bufera sanitaria sarà passata” commenta Gian Maria Acciai, segretario generale della Fp Cgil di Arezzo.

Ma non basta, per supportare il personale sanitario servono sempre nuove dotazioni di mascherine. Dai sindacati parte l’appello al tessuto economico, e imprenditoriale alle associazioni d’impresa e agli artigiani che usano e hanno scorte di mascherine Fpp2 o superiori, affinché le mettano a disposizione 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Sappiamo che soprattutto nel comparto orafo questo tipo di presidi di sicurezza sono comunemente usate - conclude Acciai - se qualche imprenditore avesse scorte che può mettere a disposizione si faccia avanti e la Asl recepisca queste eventuali dotazioni per il personale impiegato negli ospedali.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I dilettanti pronti allo stop: "Se il protocollo è questo meglio fermarsi"

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • Tutti i sindaci di Arezzo dal 1946 ad oggi

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

  • Tremendo schianto lungo la regionale 71: ragazzina di 12 anni travolta da un'auto

  • 7 castelli e ville storiche della provincia di Arezzo che domenica aprono le proprie porte (gratis)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento