Economia

Cornioli di Confartigianato lancia l'appello: "Dop per il pane toscano"

"Abbiamo grandi ragioni per chiedere il riconoscimento della Denominazione di origine protetta per il pane toscano. Con la DOP aumenteremo la produzione di grano tenero facendo crescere l'occupazione in agricoltura, tutelando il paesaggio toscano...

cornioliVersiliana5

"Abbiamo grandi ragioni per chiedere il riconoscimento della Denominazione di origine protetta per il pane toscano. Con la DOP aumenteremo la produzione di grano tenero facendo crescere l'occupazione in agricoltura, tutelando il paesaggio toscano con il recupero di terre oggi abbandonate e, al tempo stesso, aumentando la tenuta idrogeologica dei nostri territori. E' per questo che stiamo insistendo con Bruxelles per ottenere questo riconoscimento".

Le parole sono quelle del presidente della Regione Toscana Enrico Rossi e di Mauro Cornioli, presidente di Confartigianato Alimentazione Toscana. E' stato durante un incontro pubblico al caffè della Versiliana di Marina di Pietrasanta che i due hanno affrontato i temi riguardanti "Prospettive economiche e produttive del pane toscano Dop". "Bruxelles - hanno aggiunto Rossi e Cornioli - pare il castello di Kafka: ci fanno sempre una nuova richiesta. E poi scontiamo un'opposizione interna, tutta italiana, di chi non ha interesse che la Toscana ottenga la Dop per il suo pane. Tuttavia a metà settembre sarò nuovamente a Bruxelles e torneremo alla carica per il riconoscimento della denominazione di origine, certificato internazionale di qualità per un prodotto di qualità. Continueremo a fare pressioni per ottenere un risultato importante per il futuro della Toscana". Rossi si è detto convinto che dopo il raddoppio della produzione (dai 400.000 del 2010 agli 800.000 quintali anno di oggi) di grano tenero in Toscana, con la Dop sarà possibile arrivare a superare 1 milione di quintali, contribuendo ad accrescere la varietà e la qualità della produzione regionale che vanta 400 prodotti tipici diversi, il più grande numero in Italia. Del resto la Toscana ha il più alto numero di panifici e si caratterizza per il pane sciocco, privo di sale, che ha quindi un impatto più positivo sulla salute a partire dal cuore, come dimostrano molte ricerche. Nel corso dell'incontro è emerso che le Università di Pisa e Firenze stanno studiando un packaging, una nuova confezione che permetterà di conservare più a lungo, e quindi di esportare meglio, il pane toscano. "La Toscana - ha ribadito Cornioli - è seconda in Italia per numero di denominazioni agroalimentari registrate, con 15 Dop e 13 Igp (indicazioni geografiche protette). Gli addetti a queste produzioni di qualità sono oltre 14.000 ed il valore della produzione delle prime dieci tipologie supera i 75 milioni di euro l'anno".
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cornioli di Confartigianato lancia l'appello: "Dop per il pane toscano"

ArezzoNotizie è in caricamento