Economia

Il contratto integrativo di Ubi è stato esteso ai dipendenti ex Etruria

Contratto integrativo, firmato l'accordo per l'estensione anche ai lavoratori ex BancaEtruria. Dopo una tre giorni di trattative serrate, che seguivano altre settimane di lavori, oggi, giovedì 1° febbraio, a Bergamo c'è stata la firma che...

Foto Fabio Faltoni F Tv

Contratto integrativo, firmato l'accordo per l'estensione anche ai lavoratori ex BancaEtruria.

Dopo una tre giorni di trattative serrate, che seguivano altre settimane di lavori, oggi, giovedì 1° febbraio, a Bergamo c'è stata la firma che disciplina tempi e modi di estensione ai lavoratori delle tre ex banche-ponte del Contratto Integrativo di Ubi "vecchio perimetro".

Così, poche settimane dopo che il Contratto aziendale della "vecchia" UBI Banca era stato esteso alle società prodotto, oggi tale copertura si estende anche ai 1.500 lavoratori ex Etruria, a quelli di Banca Marche e CariChieti, in totale si parla di più 4.500 persone.

Molte sono le misure che coinvolgeranno, con un percorso scadenzato nel tempo da ora sino al 2020, i dipendenti degli istituti acquisiti; si va dal welfare aziendale ai buoni pasto, dalle borse di studio alla previdenza complementare e all'assistenza sanitaria, dalle varie indennità ai permessi.

Il commento della Fabi

Insomma, come la FABI chiedeva e aveva assicurato - il sindacato di categoria più rappresentativo nel settore bancario e in UBI - come chiedeva sin dall'acquisizione delle tre bridge banks e anche all'inizio di questo confronto sul Contratto Integrativo, nessun lavoratore del nuovo Gruppo UBI sarà discriminato o di Serie B. Ed infatti la firma di oggi dice proprio questo, che tutti i 22.500 dipendenti del Gruppo avranno la stessa contrattazione aziendale, nei tempi e nei modi previsti e disciplinati, compresi gli ex Etruria. Oggi, in qualche modo si chiude un periodo di cinque anni, tra l'obbligo di cercare un partner "di elevato standing", il commissariamento, la risoluzione, le subordinate (con la coda amara dei processi in corso), l'asta pubblica per la vendita della banca e l'incorporazione in UBI. Insomma, un altro bel traguardo per i dipendenti della ex BancaEtruria, dopo tanto penare, un traguardo meritato e perseguito con determinazione e pieno merito.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il contratto integrativo di Ubi è stato esteso ai dipendenti ex Etruria

ArezzoNotizie è in caricamento