Confartigianato esulta: "La proposta di estendere la moratoria sui mutui per le imprese in Consiglio dei Ministri"

Ma perché è un elemento di forte soddisfazione per Arezzo? “Perché -  spiega lo stesso Vannetti – Misiani ha fatto propria una nostra richiesta, espressa direttamente da me nel corso di una conference-call con le Associazioni di categoria del nostro territorio”

Ferrer Vannetti

La proposta di estendere la moratoria sui mutui per le imprese che scade il prossimo settembre è stata portata in Consiglio dei Ministri. La speranza di una sua approvazione è molto forte. “E questa proposta arrivata al Governo attraverso uno dei suoi viceministri, Antonio Misiani, rappresenta un successo per la nostra provincia e per Confartigianato Arezzo”, dichiara Ferrer Vannetti, presidente dell’associazione artigiana aretina.

Ma perché è un elemento di forte soddisfazione per Arezzo? “Perché -  spiega lo stesso Vannetti – Misiani ha fatto propria una nostra richiesta, espressa direttamente da me nel corso di una conference-call con le Associazioni di categoria del nostro territorio”.

“Come rappresentante di Confartigianato Arezzo ho potuto fare questa richiesta visti – spiega ancora Vannetti – i ritardi nell’applicazione dei decreti di sostegno alle imprese e le lungaggini burocratiche a cui sono state di fatto costrette le banche nelle istruttorie prima di concedere i finanziamenti. Allora ho detto al rappresentante del Governo che, a nostro parere, è necessario fare alcuni interventi importanti in vista della delicatissima scadenza di settembre, alla quale le imprese rischiano di arrivare di fatto senza liquidità, il che sarebbe davvero drammatico e rischierebbe di far collassare le economie dei territori fondate sul lavoro quotidiano di frontiera spesso svolto dalla piccole e medie imprese”.

“A settembre – spiega ancora Vannetti  -  scadono infatti le moratorie sui mutui, che erano state il primo strumento semplice e efficace, per la valenza e l’utilità immediata per le Pmi: per questo sarebbe davvero opportuno - in attesa che la macchina dei sostegni si metta in moto definitivamente e che i decreti governativi abbiamo la loro efficacia pratica - arrivare ad un rinnovo di queste moratorie possibilmente per un anno, in modo da dare ancora respiro alle aziende in questo momento difficile, il tutto anche a tutela dei posti di lavoro”.

“Va chiarito infatti che  - precisa il presidente - nonostante i provvedimenti del Governo,  ci troviamo di fronte ancora a ritardi e difficoltà applicative che ancora non danno efficacia concreta ai sostegni previsti per le imprese. E’ stato importante, quindi, far percepire dalle massime autorità dello Stato, dal nostro territorio, quali sono le problematiche principali”.

“Questo passaggio diretto  - conclude Vannetti - tra le esigenze esplicitate da Confartigianato Arezzo e i rappresentanti del Governo è un elemento di grande importanza, che testimonia del fatto che, se le imprese del territorio, le Associazioni che le rappresentano e la politica che queste portano avanti, sono credibili, allora questa positiva cinghia di trasmissione tra territori e Governo sui contenuti più importanti di portata nazionale,  può avere efficacia e contribuire a far da volano per una ripartenza della nostra economia sempre più necessaria e inderogabile”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento