Economia

Torna la commissione Banche, Di Maio: "Paragone presidente. Fuori i colpevoli delle condotte indecenti"

L'annuncio nella puntata di ieri di Porta a Porta

Torna la Commissione Banche, dopo quella della scorsa legislatura che vide presidente Pierferdinando Casini e che si occupò principalmente degli istituti di credito che hanno patito crisi come Banca Etruria. E stavolta sarà Gianluigi Paragone il presidente della Commissione. L’annuncio è arrivato nella serata di ieri da parte del vicepresidente del Consiglio Luigi Di Maio, mentre era ospite della trasmissione Rai Porta a Porta.

Sergio Mattarella ha promulgato la legge che istituisce la commissione di inchiesta sulle banche alla fine di marzo. Delimitandone l'azione nella missiva inviata ai presidenti della Camera, Roberto Fico, e del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati

l’ambito dei compiti attribuiti alla Commissione – a differenza di quella istituita nella precedente legislatura - non riguarda l’accertamento di vicende e comportamenti che hanno provocato crisi di istituti bancari o la verifica delle iniziative assunte per farvi fronte, ma concerne – insieme al sistema bancario e finanziario nella sua interezza - tutte le banche, anche quelle non coinvolte nella crisi e che svolgono con regolarità la propria attività.

Sulla scelta di Paragone, Di Maio ha detto:

Ho avuto più volte conferma da Salvini e Giorgetti: Gianluigi Paragone sarà il presidente. È un nostro senatore che si è occupato della questione per anni. La commissione sarà uno strumento che dal prossimo mese si metterà a lavorare per scoprire i colpevoli delle condotte indecenti delle banche. Ma non sarà una clava contro Bankitalia e le istituzioni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torna la commissione Banche, Di Maio: "Paragone presidente. Fuori i colpevoli delle condotte indecenti"

ArezzoNotizie è in caricamento