menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'amministratore unico Franco Scortecci

L'amministratore unico Franco Scortecci

Assemblea Coingas vota per chiedere nullità delle consulenze di Cocci e Rason

L'inchiesta Coingas torna a fare notizia. Se ne è occupata l'assemblea dei soci della partecipata che ha come mission la quota di proprietà di Estra e la ridivisione degli utili ai comuni stessi

Le consulenze Coingas, finite nell’inchiesta della Procura di Arezzo e Digos, che ha coinvolto la partecipata pubblica e il Comune di Arezzo, sono state al centro anche dell’assemblea dei soci che si è tenuta questa mattina. 

Dopo aver esaminato vari punti all’ordine del giorno legati all’ordinaria amministrazione, l’assemblea di Coingas ha deliberato di promuovere un’azione di nullità e/o annullabilità delle convenzioni oggetto di indagine da parte della magistratura. Si tratta delle convenzioni con il commercialista Cocci di Arezzo e con lo studio legale Rason di Firenze. La prima per un importo di 114mila euro, la seconda per 304mila euro. Incarichi affidati tra il 2017 e il 2018 anche in modo reiterato, con Sergio Staderini alla guida di Coingas, prima come presidente di un consiglio di amministrazione e poi come amministratore unico. La promozione di un'azione di nullità si baserebbe sul fatto che questi contratti con i professionisti esterni sono stati stipulati fuori dal regime della legge sugli appalti.

Nella stessa mattinata di oggi è stato votato anche di promuovere azioni giudiziarie eventualmente necessarie al riguardo, sottointendendo la possibilità di tutelare la società e di conseguenza dai comuni soci.

Alta l'affluenza all'assemblea questa mattina dove è risultato presente e/o comunque rappresentato tramite deleghe, l'80% del capitale sociale.

L'unico comune che si è astenuto dal voto è stato quello di Monte San Savino.

La notizia è stata diffusa dallo stesso presidente di Coingas Franco Scortecci.

Cos'è l'inchiesta Coingas che ha travolto anche il Comune di Arezzo

L'inchiesta scoppiata il 4 luglio scorso ha investito inizialmente l'assessore al bilancio Alberto Merelli, l'amministratore unico di coingas in carica Franco Scortecci, il suo predecessore Sergio Staderini, il commercialista aretino Marco Cocci. Poi si sono aggiunti Mara Cacioli, ex dipendente di Coingas, richiamata dalla pensione per aiutare Scortecci, il sindaco Alessandro Ghinelli, l'avvocato aretino Stefano Pasquini, il presidente di Estra Francesco Macrì e poi l'avvocato fiorentino Pier Ettore Olivetti Rason. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento