Economia

Cna Impresa Donna: "A pagare la crisi sono soprattutto le donne"

La presidente Franca Rizzo: "A dicembre 2020 gli occupati sono diminuiti di 101mila unità e di questi ben 99mila sono donne: un dato a dir poco inquietante"

“Ancora una volta i dati Istat certificano che sono le donne ad aver pagato il prezzo più alto della crisi: a dicembre 2020 gli occupati sono diminuiti di 101mila unità e di questi ben 99mila sono donne: un dato a dir poco inquietante” – è il commento di Franca Rizzo presidente Cna Impresa Donna Arezzo di fronte ai numeri che registrano un tasso di occupazione femminile in calo di 0,5 punti, mentre cresce quello di inattività.

“Purtroppo i dati statistici confermano i timori di un anno fa – continua la presidente Rizzo – La pandemia sta avendo effetti devastanti sul mondo del lavoro, sull’occupazione e nei confronti della realtà imprenditoriale, ma come al solito a pagarne le peggiori conseguenze sono proprio le donne. Mai come oggi è fondamentale intervenire per rilanciare l’occupazione femminile, sia per quanto riguarda il lavoro autonomo che quello dipendente”.   

Dopo anni in cui a livello nazionale le imprese femminili segnavano crescite superiori a quelle maschili, tra aprile e settembre 2020 questo trend si è praticamente annullato, soprattutto per effetto di una caduta più marcata della nascita di nuove imprese nel secondo trimestre (-42,3% per le femminili contro il -35,2% delle maschili), che si è protratta anche nei tre mesi successivi.

L’effetto della pandemia si registra anche nel territorio aretino con la contrazione di 81 imprese (-1,4%), dalle 8.854 del 2019 alle 8.773 imprese femminili del 2020. Nell’artigianato – dove la componente femminile si concentra soprattutto nei servizi, compresi quelli alla persona (807) e nel manifatturiero (746 unità) - la perdita si attesta all’1,8%: 1.901 nel 2020 contro le 1.934 del 2019. 

“Questo purtroppo non è un paese per donne – ribadisce Franca Rizzo – ma è una vecchia storia mai risolta, neanche mai seriamente affrontata. La donna è la parte debole e non tutelata della nostra società, nel lavoro come nella vita di tutti i giorni. È un problema culturale, il parlamento italiano ha un numero di donne nettamente inferiore se rapportato a qualsiasi paese del nord Europa. Per di più ci sono i dati del femminicidio che rappresentano una vergogna, una manifestazione di arretratezza inammissibile. E pensare che la quasi totalità di questi delitti si consuma tra le mura domestiche. Mai come oggi – conclude la presidente di Cna Impresa Donna – è fondamentale rilanciare e valorizzare il ruolo della donna, nel lavoro e nel suo delicato e importante ruolo nella società, che non può e non deve essere limitato, come qualcuno vorrebbe, alla procreazione e alla cura della prole e della famiglia”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cna Impresa Donna: "A pagare la crisi sono soprattutto le donne"

ArezzoNotizie è in caricamento