menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ritorno in zona arancione. Confesercenti: “Salviamo il weekend. Ristoranti aperti per San Valentino”

Checcaglini: “Inaccettabile, non sapere ancora oggi se domenica i ristoranti potranno servire chi ha prenotato un tavolo”

Caos sulla data di avvio della zona arancione. L’incertezza sta mettendo in crisi il settore della ristorazione e dei pubblici esercizi. Sulla questione interviene il direttore di Confesercenti Mario Checcaglini. “È probabile che a partire da domenica 14 febbraio la Toscana entri in zona arancione. Per tutte le attività è un problema, di più lo è per il settore dei pubblici esercizi e della ristorazione in particolare. Per questa categoria la conseguenza più probabile è che perda la possibilità di lavorare a pranzo domenica, proprio nel giorno della ricorrenza di San Valentino. Una data importante per chi ha riposto aspettative in questa giornata dopo mesi di chiusure e incassi a zero. Festeggiare la ricorrenza degli innamorati in un ristorante è uno dei momenti belli della vita delle persone e tanti hanno in programma di farlo. Per gli operatori è l'occasione di lavorare dopo tanti giorni di difficoltà. Adesso la zona arancione potrebbe annullare l’appuntamento a tavola se la chiusura partirà da sabato notte”.

Confesercenti ricorda che “sono già tante le persone che hanno prenotato un tavolo al ristorante. Nel frattempo gli  operatori si sono organizzati e hanno effettuato gli acquisti delle materie prime necessarie. A loro però ancora non è stata data comunicazione su quando si entrerà ufficialmente in zona arancione. Se l’annunciò arriverà questa sera, ciò significa che l’intera categoria avrà solo 24 ore di preavviso per dover disdire tutto, rinunciando non solo agli incassi, ma anche all’investimento fatto per l’acquisto di materie prime”. Per Checcaglini “è inaccettabile trattare una intera categoria con  tanta superficialità. La ristorazione e i pubblici esercizi sono stati spogliati dei loro diritti da una politica sorda alle necessità delle imprese. Un intero settore economico non può essere mortificato così; non può la politica portarlo fino all’esasperazione. In questo momento peraltro la vaccinazione sta riprendendo, i tracciamenti - come sostiene il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani sono efficaci - ed è per questo che Confesercenti ritiene che si sarebbe potuto considerare la ristorazione alla stregua del resto delle attività commerciali consentendole di aprire a pranzo anche in arancione”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Coronavirus, altri 76 contagi nell'Aretino e 29 persone guarite

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Psicodialogando

    I 4 motivi che spingono una donna verso l'uomo di potere

  • Calcio

    Arezzo-Matelica. Le pagelle di Giorgio Ciofini

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento