Sabato, 24 Luglio 2021
Economia

Categorie economiche: "Comune unico valdarno? Basta chiacchiere, passiamo ai fatti"

Sei associazioni di categoria (CNA, Confartigianato, Confindustria, Confapi, Confcommercio, Confesercenti), sei Presidenti (Franca Binazzi, Maurizio Baldi, Emiliano Taranghelli, Carlo Cioni, Lorenzo Parigi e Laura di Loreto). Tutti insieme per...

valdarno_aretino

Sei associazioni di categoria (CNA, Confartigianato, Confindustria, Confapi, Confcommercio, Confesercenti), sei Presidenti (Franca Binazzi, Maurizio Baldi, Emiliano Taranghelli, Carlo Cioni, Lorenzo Parigi e Laura di Loreto). Tutti insieme per dire basta all'eterno dibattito sul Comune Unico del Valdarno che da anni serve solo a riempire le pagine dei quotidiani locali.

"La politica non è in grado di esprimere una nuova forma di raccordo istituzionale? Prendiamone atto - dichiarano in coro le categorie - Significa che la politica e le istituzioni della vallata non coltivano nessun progetto di moderna cultura urbana a beneficio della crescita competitiva del territorio. Più facile cimentarsi nell'associazione dei servizi? Bene. Noi ci siamo pur restando convinti che l'epoca dei micro comuni creati attorno ai campanili - con una moltiplicazione di sedi, uffici, personale e spese - sia irrimediabilmente finita. Ma se la politica continua ad essere sorda di fronte a nuove forme di governo territoriale, si proceda almeno con le semplificazioni ed i risparmi. Si inneschi un meccanismo virtuoso diretto non solo ad una riduzione della spesa pubblica ma, soprattutto, ad una omogeneizzazione dei servizi e dei tributi locali in una vallata già di per sè omogena, a porre le basi per una maggiore capacità di investimenti, in opere e servizi, sul territorio". "O ancora dobbiamo convincere qualcuno - continuano i Presidenti delle categorie - che le gestioni associate hanno immediati riflessi sui cittadini e sul tessuto economico di un territorio? Che portano benefici sia nella gestione dei servizi interni ed esterni alle varie amministrazioni che una notevole e certa riduzione dei costi a carico di imprese e cittadini? Un'associazione di servizi potrebbe rappresentare uno strumento fondamentale non solo per il rilancio dell'economia ma anche per le ricadute che avrebbe sia per quanto riguarda la gestione del sociale che per lo sviluppo del turismo.

Chi ci amministra deve essere in grado di assumersi la responsabilità delle proprie scelte e misurarsi con l'efficacia dell'azione, che sarà tale se le decisioni prese saranno frutto di progetti e obiettivi condivisi che vedano come protagoniste anche le componenti economiche locali.

Solo così le amministrazioni si dimostreranno vicine a cittadini ed imprese, capaci di rispondere con tempestività ed efficacia ai loro bisogni, evitando ogni possibile duplicazione di compiti e strutture, riducendo la frammentazione dei luoghi decisionali, nel rispetto delle identità e delle peculiarità del territorio e delle sue comunità.

Il non razionalizzare costi e funzioni induce ad una tassazione nazionale, regionale e locale che inevitabilmente tende a sommarsi. Il non rispetto dei tempi, la scarsa qualità, le disfunzioni, le diseconomie e le sovrapposizioni, sono il vero costo della politica; sono dannose per il sistema economico proprio in termini di competitività e di attrazione degli investimenti.

Crediamo che se la politica del Valdarno perseguirà con coraggio questa strada, tornerà ad accorciare la distanza che la separa dalla vallata reale, quella che noi ben conosciamo".
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Categorie economiche: "Comune unico valdarno? Basta chiacchiere, passiamo ai fatti"

ArezzoNotizie è in caricamento