Camera di Commercio: voucher e punto di assistenza digitale per sostenere le imprese aretine

Digitalizzazione del sistema economico, alternanza scuola lavoro e turismo sono le priorità di interventi individuate dalla recente legge di riforma per l'intero sistema camerale. E proprio per supportare l'obbiettivo di diffondere la...

voucher digitale camcom10

Digitalizzazione del sistema economico, alternanza scuola lavoro e turismo sono le priorità di interventi individuate dalla recente legge di riforma per l'intero sistema camerale.

E proprio per supportare l'obbiettivo di diffondere la digitalizzazione e la cultura dell'innovazione tra le imprese aretine è operativo, da oggi, presso la Camera di Commercio di Arezzo il PID- Punto Impresa Digitale. Il Pid nasce da un progetto del sistema nazionale delle Camere di Commercio che si inserisce nell'ambito del "Piano nazionale industra 4.0" elaborato dal ministero dello sviluppo economico e che in Toscana è supportato dalla Regione. Il Pid della Camera di Commercio di Arezzo è quindi uno dei 77 "punti" distribuiti sul territorio nazionale ed autorizzati dal Mise in grado di fornire alle imprese assistenza sugli incentivi disponibili ed i servizi del network industria 4.0 e di realizzare attività di formazione sulla digitalizzazione e l'innovazione. Un'attività complessa ed articolata che sarà realizzata dall'ente camerale in collaborazione con due "digital promoter". Nell'ambito del progetto, la Camera di Commercio di Arezzo ha inoltre pubblicato il bando per l'erogazione di "contributi digitali I4.0" per il sostegno della digitalizzazione delle piccole e medie imprese, con sede legale o unità locale nella provincia di Arezzo. I contributi cofinanzieranno attività di formazione e consulenza relative a una o a più tecnologie industria 4.0, erogate dai fornitori accreditati. Non potranno essere utilizzati per spese connesse all'acquisto di beni materiali. Tutte le spese devono essere sostenute a partire dal 1 gennaio 2018 (retroattivo) fino al 180esimo giorno successivo alla data della comunicazione di concessione del contributo. Per essere ammessi al contributo i progetti devono prevedere un investimento pari o superiore a 3.000 euro. L'intensità del contributo coprirà al massimo il 70% dell'importo complessivo delle spese ammesse e non potrà comunque superare i 7.000 euro, ai quali potrà sommarsi la premialità di 250 euro nel caso in cui l'impresa, al momento dell'erogazione del contributo, sia in possesso del "Rating di legalità". Le domande di contributo dovranno essere inviate entro il prossimo 30 novembre con le modalità indicate nell'apposita sezione del sito istituzionale www.ar.camcom.it.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Schianto frontale e strada chiusa: 4 feriti, di cui tre ragazzi. Grave una 42enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento