Economia

Brexit e i colpi sull'economia, la testimonianza di Bragagni

Il piano della Fabbrica sul mare è pronto. Maurizio Bragagni, imprenditore aretino ai vertici di un'azienda che da tre generazioni spicca nel territorio e rappresenta una vera e propria eccellenza, è pronto a presentare il piano di investimenti in...

maurizio bragagni

Il piano della Fabbrica sul mare è pronto. Maurizio Bragagni, imprenditore aretino ai vertici di un'azienda che da tre generazioni spicca nel territorio e rappresenta una vera e propria eccellenza, è pronto a presentare il piano di investimenti in Scozia e in Irlanda del Nord.

Bragagni da alcuni anni si trova a Farringdon, la storica Little Italy di Londra, dove ha sede il suo ufficio, mentre a Liverpool c'è la fabbrica d'Oltremanica che si affianca alle altre quattro presenti in Italia.

Bragagni la sua storia la racconta al quotidiano la Repubblica. Spiega come l'investimento della Tratos da 70 milioni punti ad allargare la produzione di cavi a quelli sottomarini. Ma chiarisce anche che la situazione politica della Gran Bretagna impone cautela. E impone anche di valutare soluzioni alternative in vista del referendum del 23 giugno per decidere se uscire o meno dalla Ue. Le alternative? Belgio e Spagna.

"L'investimento – ha dichiarato Bragagni a Repubblica - è un unicum per noi e dobbiamo essere sicuri di cosa succederà. I milioni non vogliono incertezza. Sono la terza generazione della mia azienda familiare e non ho intenzione di essere l'ultima". Anche se poi spiega concludendo l'intervista: “Comunque vada, non abbandoneremo l'Inghilterra. Ma se davvero si uscisse dall'Ue, dovremo capire come ristrutturare il nostro business”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brexit e i colpi sull'economia, la testimonianza di Bragagni

ArezzoNotizie è in caricamento