Banca Etruria, Faltoni della Fabi: "Sarà un'estate molto calda per i dipendenti"

Banca Etruria è il caso che tiene banco anche al consiglio nazionale della Fabi che ha raccolto a Roma tutti i suoi dirigenti. A raccontarlo è Fabio Faltoni dipendente di Banca Etruria e sindacalista della Fabi che preannuncia un'estate molto...

FABI CONS NAZLE

Banca Etruria è il caso che tiene banco anche al consiglio nazionale della Fabi che ha raccolto a Roma tutti i suoi dirigenti. A raccontarlo è Fabio Faltoni dipendente di Banca Etruria e sindacalista della Fabi che preannuncia un'estate molto calda per i dipendenti della good bank che attendono, con non poca ansia, notizie sulla vendita al miglior offerente.

Questa la nota ufficiale di Faltoni:

Sarà certamente un'estate molto calda, per i lavoratori di Nuova Banca dell'Etruria. Non che l'autunno e l'inverno siano stati tranquilli, con tutto il finimomdo scaturito dalla cancellazione per decreto delle subordinate; nessuno può dimenticare infatti l'accanimento contro i dipendenti di talune associazioni dei consumatori, alcune anche molto blasonate, e di obbligazionisti. Poi, per settimane e settimane dipendenti barricati nelle filiali, minacciati, inseguiti, denunciati, calunniati, e chi più ne ha più ne metta. E la FABI, il sindacato più grande nel settore bancario, in quasi totale solitudine per mesi e mesi a tentare di ricondurre alla ragione tali associazioni, anche a costo di far rischiare - in occasioni di incontri pubblici - l'incolumità fisica a qualche suo esponente. La FABI locale aveva chiesto pure un incontro con le delegazioni di queste associazioni, ma nessuna risposta è mai pervenuta. Ma questo è il passato, speriamo. La vicenda dei lavoratori BancaEtruria - un caso di scuola possiamo ormai dire - è stata riportata all'attenzione del Consiglio Nazionale della FABI, che a Roma ha raccolto tutti i suoi dirigenti sindacali d'Italia.

Giovanni Lorito (responsabile dell'Organo di Coordinamento), Fabio Faltoni (segretario provinciale e anche membro di due Dipartimenti Nazionali: Organizzazione e Comunicazione) e Vincenzo Rizzi (segretario per le filiali di Roma) hanno ripercorso tutte le tappe del "calvario" dei dipendenti, "calvario" affiancatosi a quello di troppi clienti subordinati, clienti spesso anche amici, familiari e parenti degli impiegati stessi.

Ma il Consiglio Nazionale FABI è servito soprattutto per guardare al futuro, a pochi giorni dalla scadenza per le offerte vincolanti:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Sappiamo di forti interessi da parte di rilevanti Fondi di private equity, che potrebbero essere interessati anche alla Rev e quindi alle sofferenze (una vera "gallina dalle uova d'oro".) Sul futuro dei lavoratori, La FABI ha già messo in guardia il presidente Nicastro circa il mantenimento dei livelli occupazionali e la massima attenzione alla futura mobilità dei lavoratori. Ospite al Consiglio Nazionale FABI, il presidente dell'ABI Patuelli - la Confindustria delle banche - ha assicurato che tutto sarà gestito con gli strumenti attualmente previsti dal Contratto di categoria, cioè chiare e già conosciute procedure sindacali e solo prepensionamenti volontari. Il Segretario Generale Sileoni ha ribadito che al primo licenziamento tutta la FABI scenderà in piazza. Il senso di responsabilità e l'approccio costruttivo dei sindacati sono noti, che nessuno pensi di cercare improbabili scorciatoie.

Certo, potrebbe essere opportuno che il territorio cominciasse a far sentire la propria voce univoca al presidente Nicastro; enti locali, politici, associazioni di categoria, istituzioni varie, tutti insieme in una "lobby del territorio", non è troppo tardi e nemmeno troppo presto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I dilettanti pronti allo stop: "Se il protocollo è questo meglio fermarsi"

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • Tutti i sindaci di Arezzo dal 1946 ad oggi

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

  • Tremendo schianto lungo la regionale 71: ragazzina di 12 anni travolta da un'auto

  • 7 castelli e ville storiche della provincia di Arezzo che domenica aprono le proprie porte (gratis)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento