menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Appello a tutti i sindaci: "Esonero Tari e Cosap, spazi esterni gratuiti per bar e ristoranti"

Confcommercio ha scritto a tutti gli amministratori della provincia di Arezzo indicando le misure per aiutar le imprese della ristorazione

Esonero dal pagamento della Tari per il primo semestre 2021; revisione della tariffa nella ripartizione tra utenze domestiche e non domestiche; esonero della Cosap per i pubblici esercizi e concessione di spazi esterni pubblici gratuiti per tutto l’anno.

Sono queste le richieste che Confcommercio sta formalmente presentando a tutti i Comuni della provincia di Arezzo, attraverso una lettera a firma del direttore regionale Franco Marinoni, spedita all’attenzione dei Sindaci e, per conoscenza, degli Assessori alle attività produttive e ai tributi.

“Se il governo già nel 2020 si è dimostrato lontano o troppo lento nel rispondere alle richieste d’aiuto che venivano dalle imprese, gli enti locali hanno dimostrato una capacità d’ascolto, una rapidità d’azione e una incisività molto più elevata, anche sul nostro territorio”, sottolinea la vicedirettrice della Confcommercio aretina Catiuscia Fei. “Ecco perché ci siamo rivolti alle Amministrazioni Comunali di tutta la provincia di Arezzo per chiedere interventi concreti in favore delle imprese del terziario, in attesa che il Governo e la Regione stabiliscano specifiche misure di sostegno”.

“L’obiettivo è duplice: restituire liquidità alle aziende e mantenere l’occupazione, cercando di mettere in sicurezza la nostra economia per l’intera durata della grave crisi economica innescata dall’emergenza Covid-19”, spiega Catiuscia Fei.

“Siamo consapevoli delle ristrettezze di bilancio in cui le amministrazioni si trovano ad operare, ma si tratta di venire incontro a situazioni drammatiche con piccoli provvedimenti che nulla tolgono alla comunità. E sono anche giusti: sul fronte Tari, ad esempio, rimodulare le tariffe è un atto dovuto a fronte della minore quantità di rifiuti che, purtroppo, ormai da un anno a questa parte le imprese si trovano a produrre vista la minore attività e le chiusure forzate imposte dai vari Dpcm. In gioco c’è il futuro di molte imprese e la tenuta occupazionale di un comparto, quale quello rappresentato dal terziario, che negli ultimi anni ha garantito grande ricchezza al territorio, oltre che qualità di vita”.

“Siamo certi che le amministrazioni comprenderanno la necessità di questi provvedimenti a tutela dell’economia locale e di aziende che in molti casi, registrando incassi decimati, non sarebbero comunque in condizione di adempiere a quegli impegni”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cucina

    I fiocchi di Carnevale

  • Attualità

    100 candeline per nonna Rosa

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento