menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Auditorium al Comune e quota che sale al 18%. Ad Arezzo Fiere l'ex campo scuola: tutti i numeri dell'operazione

La complessa operazione ha permesso di compensare tutti i debiti che nel corso degli ultimi due decenni la struttura fieristica aveva accumulato nei confronti dell'amministrazione

L'annosa diatriba per i debiti Imu che Arezzo Fiere non aveva versato al Comune si è chiusa. L'assemblea dei soci del polo fieristico aretino ha deliberato il passaggio al Comune dell'auditorium della struttura polivalente. Ma non solo, perché la partita dei debiti comprendeva anche altre tasse comunali non saldate, come la Tari. Per compensare il tutto il Comune ha ottenuto anche l'aumento della quota societaria nella compagine di Arezzo Fiere. Il capoluogo adesso detiene il 18% delle quote del polo fieristico.

Tutta l'operazione ha consentito il via libera anche alla cessione dell'area ex camposcuola ad Arezzo Fiere, spazio che consentirà a quest'ultimo di incrementare le strutture a servizio dell'area espositiva e congressuale. Mentre la Fiera ha compensato anche il debito per partecipare alle spese della viabilità della zona.

La dichiarazione congiunta del sindaco Ghinelli e dell'amministratore unico Sandra Bianchi

“Si apre un nuovo capitolo per una struttura fondamentale per la città, destinata ad arricchire la propria offerta tradizionale – commentano il sindaco Alessandro Ghinelli e l'amministratore unico di Arezzo Fiera Sandra Bianchi. - L'auditorium sarà un altro contenitore perfetto per l'offerta culturale ed artistica della città che il Comune tramite la Fondazione Guido d'Arezzo, intende promuovere e sviluppare. Al contempo, l'ampliamento dello spazio destinato ai servizi consentirà al polo fieristico di migliorare l'offerta e confermare ulteriormente la centralità, non solo geografica, di una struttura strategica per l'intero territorio”.

I numeri della cessione dell'auditorium

Al Comune di Arezzo è stato ceduto l'auditorium di Arezzo Fiere valutato 1.680.000 euro e questo ha comportato l'estinzione dell’obbligazione di pagamento di pari somma, 1.680.000,00, composta di vari debiti tributari con il Comune di Arezzo: debito per Ici degli anni 2005/2011 di complessivi 381.225,29 euro, debito per Imu del periodo 2012/2015 per 1.287.939,29, debito di 10.835,42 costituente parte del debito per Imu dell'anno 2016 di complessivi 374.484,93 euro, con conseguente suo residuo di 363.649,51.

L'aumento di capitale come compensazione dei debiti tributari

Contemporaneamente è stato deliberato l'aumento di capitale sociale passando da 33.379.834,01 euro a 36.167.632,22 euro con l'emissione di una nuova quota di partecipazione dal valore nominale di 2.787.798,21 che è stata acquisita, senza esborso di risorse, dal Comune di Arezzo che ha così raggiunto la quota del 18% all'interno di Arezzo Fiere. L'operazione si è potuta compiere grazie all'accordo raggiunto che ha comportato da parte del Comune di Arezzo il conferimento in natura ad Arezzo Fiere dell'area dell'ex campo scuola per un valore di 150mila euro, che ha prodotto anche la compensazione dei debiti tributari della società nei confronti dell'amministrazione di Arezzo pari a 1.437.798,21. La somma era costituita dal debito per Imu dellanno 2016 residuato di 363.649,51, del debito per Imu per il periodo più recente 2017/2019  per 1.029.687,31 euro, del debito per la Tari degli anni 2018/2019 per 44.461,39 euro. A questo si è infine aggiunta la compensazione di un altro debito di Arezzo Fiere nei confronti del Comune pari a 1.200.000 euro quale contributo dovuto per la ristrutturazione ed il potenziamento della viabilità di accesso e uscita dall’area espositiva compresa nel progetto di raddoppio del raccordo autostradale, derivante dall’atto di convenzione con il Comune stesso redatto presso il notaio aretino Bucciarelli Ducci di il 19 aprile 2006.

La compensazione delle varie partite debitorie e dei beni materiali del campo scuola di via Fiorentina e dell'auditorium, hanno permesso alla fine di chiudere una complessa operazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento