Arezzo e la qualità della vita, economia e cultura in ascesa. Ghinelli: "Risultato importante, c'è bisogno della banca del territorio"

Un balzo in avanti di ben 13 posizioni nella classifica della qualità della vita firmata dal Sole 24 Ore. Arezzo migliora la propria performance rispetto al 2015 e, nel 2016, scala a grandi passi la graduatoria nazionale aggiudicandosi il...

ghinelli-alessandro1

Un balzo in avanti di ben 13 posizioni nella classifica della qualità della vita firmata dal Sole 24 Ore.

Arezzo migliora la propria performance rispetto al 2015 e, nel 2016, scala a grandi passi la graduatoria nazionale aggiudicandosi il 21esimo posto.

"E' un risultato molto importante - spiega il sindaco di Arezzo, Alessandro Ghinelli - Il lavoro che questa città e che questa l'amministrazione hanno fatto in questo ultimo anno è davvero pregevole. Pensiamo a tutte le difficoltà che abbiamo dovuto affrontare. Da Banca Etruria, al terremoto nel Centro Italia fino agli eventi meteo avversi che hanno flagellato la nostra provincia e il territorio comunale. Malgrado questo il risultato che abbiamo ottenuto è di crescita. Una conclusione davvero molto importante così come il risultato che ci viene riconosciuto".

In crescita, secondo i dati dell'indagine del Sole 24 Ora, anche la parte legata all'economia e al risparmio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"C'è una ripresa di fiducia - prosegue il primo cittadino - e, allo stesso tempo, c'è anche la consapevolezza che nel bene o nel male quello della banca è un capitolo chiuso. Come spesso avviene per la gente che bada più al fare che al dire, si è voltato pagina e si è chiuso il capitolo riguardante le vicende della vecchia Etruria.. Chi ha preso il posto e chi ha interpretato l'eredità di Banca Etruria è un grosso gruppo che dovrà essere in grado di dare risposte come ha sempre fatto la in passato l'istituto di credito del territorio. Benché la dirigenza di questa banca non sia del territorio, e quindi ancora non conosce molto da vicino i processi economici che hanno contraddistinto il tessuto imprenditoriale, sono anche certo che saprà ben farsi carico delle peculiarità dell'Aretino. Mi auguro che, passato questo momento dove giustamente i subordinatisti hanno avuto la priorità (e per i quali mi auguro che l'intera vicenda si chiuda al più presto in maniera positiva), si potrà ricominciare a finanziare i grossi progetti della città. Sono certo che Ubi saprà farsi carico di questa mission. La città ha bisogno della propria banca e la banca potrà contare sulla propria città".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

  • Tremendo schianto lungo la regionale 71: ragazzina di 12 anni travolta da un'auto

  • Coronavirus: +7 casi nell'Aretino. Ci sono due studenti delle superiori (Itis Galilei e Isis Valdarno) e un neonato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento