rotate-mobile

Aretini tra difficoltà e crisi occupazionale: 1 famiglia su 10 arriva a stento a fine mese. I dati

Il 12% delle famiglie dichiara di non essere in grado di sostenere una spesa imprevista: è il più alto dato tra le province toscane. Per combattere la crisi occupazione e lavorativa, Oxfam Italia ha aperto le porte di "Io sportello"

Il tasso di disoccupazione resta fermo al 7,2% mentre, l’inattività femminile raggiunge il 32,9% contro il 20,6% di quella maschile. E non va meglio neppure sul fronte degli under 34. Qui a balzare all’occhio sono i dati riguardanti i neet (Not in Education, Employment or Training). I giovani che non studiano, non cercano lavoro e non fanno corsi di formazione sono in crescita costante.

Il quadro è quello tratteggiato da Oxfam che, in collaborazione con Progetto 5 e la Confederazione italiana agricoltori, ha aperto le porte di “Io sportello” un nuovo servizio ideato per fornire supporto a quella fascia di popolazione a rischio esclusione e, lavorativamente parlando, maggiormente vulnerabile. “Nel nostro Community Center - spiega Sorinel Ghetau, direttore dei programmi Oxfam Italia - accogliamo molti cittadini stranieri ma non solo. Sono numerosi anche gli italiani che vengono qui in cerca di un supporto legato a problematiche lavorative o sociali. Nell’ultimo anno abbiamo accolto 1.200 concittadini che ci hanno chiesto supporto per pratiche relative al permesso di soggiorno, studio dell’italiano, ricerca di opportunità lavorative e ricongiungimento familiare. Adesso, col supporto dei nostri partner, daremo un servizio in più”.

Difficoltà che la pandemia non ha certo migliorato e che, in questo momento storico, sembrano assumere proporzioni sempre più preoccupanti. In questo senso, sempre stando all’indagine di Oxfam realizzata su dati Istat, emblematico è l'indice riguardante la capacità di spesa e risparmio delle famiglie. Il 12% della popolazione aretina, già nel 2021, ha dichiarato di non essere in grado di sostenere spese impreviste superiori o pari a 800 euro. Una famiglia su dieci invece, ha reso noto di riuscire ad arrivare a fine mese con grandi difficoltà.

“Per noi di Progetto 5 - spiega Alessio Daniello, direttore della cooperativa - questo sportale è un’altra importante risposta alle necessità dei cittadini che incontriamo ogni giorno. Una nuova sfida che prende le mosse dallo Sportello Lavoro attivato da noi durante il periodo pandemico per supportare coloro che ricercavano e offrivano servizi alla persona come accudimento degli anziani e baby sitter. “Io sportello” è l’evoluzione di questa prima esperienza poiché aggrega più peculiarità come il servizio di mediazione culturale, l’assistenza legale e il supporto per l'accesso ai servizi del territorio offerti da Oxfam Italia”.

“È uno strumento moderno ed efficace per adeguare, nelle modalità di erogazione, servizi di pubblica utilità in campi strategici e delicati relativi ai diritti dei cittadini - aggiunge Massimiliano Dindalini, direttore di Cia - La Cia è orgogliosa di essere nata in un mondo di attenzioni antiche e radicate al territorio, all'ambiente, all'alimentazione e intende perseguire questa sua identità nel rapporto con i cittadini, per un welfare ancora più articolato. Questa esperienza si inserisce in un percorso di costante trasformazione che Cia persegue da sempre, per dare risposte alle esigenze di un moderno welfare, per adattarsi all’evoluzione delle tecnologie e per stare al fianco di lavoratori e cittadini”.

I servizi offerti dal nuovo sportello

I servizi che saranno offerti ai cittadini, associazioni e imprese presso il nuovo sportello riguardano vari ambiti tra cui:

  • sostegno per la ricerca attiva di lavoro e l’incontro tra domanda e offerta di occupazione;
  • ricerca di personale per imprese e famiglie (colf, badanti etc);
  • consulenza per la compilazione di curriculum, sulle misure in vigore per il sostegno al reddito, su malattie e infortuni professionali e pratiche pensionistiche;
  • orientamento per la formazione professionale, l’identità digitale, le iscrizioni scolastiche e le pratiche di premesso di soggiorno per i cittadini stranieri;
  • servizio caf per l’attestazione isee, modello unico e 730;
  • supporto alla compilazione di bandi pubblici.

Il servizio sarà attivo dal 7 giugno ogni martedì dalle 15 alle 18.30. Per info e appuntamenti: iosportelloar@gmail.com - Tel: 3426382952

Video popolari

Aretini tra difficoltà e crisi occupazionale: 1 famiglia su 10 arriva a stento a fine mese. I dati

ArezzoNotizie è in caricamento