Obiettivo centrato: Anselmi e Fumagalli vice presidenti nazionali dei Giovani di Confindustria

Emozionati dopo l'assise che li ha visti protagonisti insieme agli altri e al nuovo presidente, nella sala Pininfarina nella sede nazionale di Confindustria a Roma

Eleonora Anselmi e Francesco Fumagalli sono due degli 8 vice presidenti nazionali dei Giovani di Confindustria

Due aretini, due giovani imprenditori già impegnati fortemente nel campo associativo sono saliti alla ribalta nazionale. Eleonora Anselmi di Chimera Gold e Francesco Fumagalli delle Grafiche Badiali, sono da oggi vice presidenti nazionali dei Giovani Imprenditori di Confindustria. Il cammino lo hanno intrapreso muovendo i primi passi all'interno di Confindustria Toscana Sud dove hanno svolto ruoli di primo piano con la sezione Giovani, poi è arrivata per loro l'opportunità di rappresentare più in alto i territori di riferimento e così per la prima volta Arezzo ha due vice presidenti nazionali contemporaneamente.

Anselmi e Fumagalli sono stati eletti contestualmente al nuovo presidente Riccardo Di Stefano, palermitano, classe 1986.

Francesco Fumagalli, già vice presidente di Confindustria Toscana Sud con delega all'education, nella squadra di presidenza 2020-2023 prenderà la delega alla comunicazione, sia interna che esterna all'associazione, mentre Eleonora Anselmi, già presidente dei Giovani Industriali della Toscana, si occuperà di due deleghe, education e sostenibilità.

"E' stato un grande onore aver preso parte a questa campagna elettorale, abbiamo abbracciato il progetto di Di Stefano che ci darà centralità nel suo percorso. Adesso guardiamo al futuro del movimento, visto che il dopo Covid ci pone davanti delle sfide veramente complesse" ha detto subito dopo l'elezione Francesco Fumagalli.

"E' stata forte l'emozione, prima di tutto, di riverdersi di persona, tra amici - ha aggiunto Eleonora Anselmi - dopo tanto tempo ci siamo ritrovati nella storica sala Pininfarina per questo vero inizio di tutto il nostro lavoro che ci permetterà di mettere in campo progetti per i Giovani Imprenditori e per i nostri territori. Mi occuperò di percorsi di formazione, dei rapporti con l'università, di migliorare quel disallineamento che c'è tra quello che cercano le aziende e i percorsi di studio dei ragazzi e poi di sostenibilità nel mondo del lavoro e anche negli equilibri della famiglia che in questo momento sono stati drasticamente modificati dall'avvento del Covid. E finalmente riportare il Green New Deal (il progetto europeo per la sostenibilità ambientale) come tema centrale."

Con il presidente Di Stefano e con i vice presidenti aretini Eleonora Anselmi e Francesco Fumagalli di Confindustria Toscana Sud Arezzo, ci sono altri sei vice per la squadra di presidenza 2020 – 2023: Licia Angeli (Confindustria Romagna), Maria Anghileri (Confindustria Lecco Sondrio), Mario Aprile (Confindustria Bari B.A.T.), Andrea Marangione (Unione Industriale Torino), Pasquale Sessa (Confindustria Salerno), Alessandro Somaschini (Confindustria Bergamo).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

  • Guida Michelin 2021: Arezzo c'è, con una conferma. L'elenco dei ristoranti stellati in Toscana

  • Covid e Natale: attesa per il nuovo Dpcm. Cenoni, aperture e spostamenti al vaglio del governo

  • Travolto assieme al cane mentre attraversa la strada: ferito 31enne

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento