Venerdì, 30 Luglio 2021
Economia

Analisi cambio EUR-GBP: sterlina destinata a scendere?

La coppia EUR / GBP ha superato la linea di tendenza discendente e possiamo vedere una potenziale continuazione rialzista. 0,8688-98 è la zona per potenziali rimbalzi. I target sono 0.8739 e 0.8770. Solo se si interrompono su 0.8770, potremmo...

200-euro

La coppia EUR / GBP ha superato la linea di tendenza discendente e possiamo vedere una potenziale continuazione rialzista. 0,8688-98 è la zona per potenziali rimbalzi. I target sono 0.8739 e 0.8770.

Solo se si interrompono su 0.8770, potremmo vedere i Pivot Mensili (M) come obiettivi successivi. Tenete presente che il cross valutario EUR / GBP è ovviamente dipendente sia dalle notizie che riguarda l'Euro sia la sterlina. Quindi qualsiasi notizia importante potrebbe aumentare il prezzo in entrambe le direzioni, ma generalmente la tendenza intraday è in aumento.

Sterlina destinata a scendere per 3 ragioni

Come riportano gli analisti di trendvincente.com la sterlina è destinata a scendere per 3 motivi.

L'inflazione è destinata a scendere ulteriormente

Il 18 aprile, in seguito al rilascio dei dati sull'inflazione di marzo dall'Ufficio per le statistiche nazionali, sono stati osservati i dati sull'inflazione della sterlina che hanno mostrato che sia l'headline IPC che la core IPC stanno cadendo più rapidamente di quanto gli economisti e la Banca d'Inghilterra avessero anticipato. Ossia a 2,5% durante il mese scorso, in cui i mercati si aspettavano di mantenere stabile lo stesso 2,7% registrato a febbraio.

Questo è molto al di sotto della previsione della Banca d'Inghilterra per un'inflazione del 2,8% nel primo trimestre. L'inflazione al rialzo, che rimuove gli alimenti volatili e le voci energetiche dal paniere delle merci, è vista come una misura più affidabile delle pressioni inflazionistiche generate a livello nazionale, anch'essa pubblicata un calo a sorpresa quando è scesa dal 2,5% al 2,3%.

Per Nordea Markets, storica agenzia di analisi, l'inflazione non sta andando in una direzione coerente con un percorso politico favorevole alla sterlina della Bank of England.

"Se le correlazioni storiche sono qualcosa da seguire, i prossimi 2- 4 mesi dovrebbero portare l'inflazione del Regno Unito sostanzialmente in calo, e in particolare la stampa del prossimo mese sarà influenzata negativamente dagli effetti di FX. La Banca d'Inghilterra stima che l'inflazione del Q2 sarà in media del 2,7% e potrebbe facilmente finire in media ben al di sotto del 2,5% " , afferma Larsen.

Tuttavia, c'è un'altra opinione diffusa: l'inflazione in calo, in particolare a livelli così elevati, è in definitiva positiva per l'economia, in quanto richiede la pressione dei consumatori che per mesi hanno visto guadagni superati da aumenti salariali. Ciò fa presagire una performance economica più robusta nel 2018 e potrebbe infatti suggerire alla Banca che l'innalzamento dei tassi di interesse può essere tollerata dall'economia. Il percorso verso la normalizzazione sarà quindi più agevole ed ora è il momento di normalizzarsi.

Le PMI del Regno Unito "sono vulnerabili"

Lo slancio economico del Regno Unito sta svanendo, come suggerito dalle recenti serie di dati PMI rilasciate da IHS Markit che sono ampiamente considerati i dati più accurati e tempestivi disponibili sull'economia. Il PMI composito britannico ha perso due punti di indici in marzo, passando da 54,5 a 52,5 con l'importantissima PMI dei servizi che scende al livello più basso dal referendum dell'UE.

"E dal momento che lo slancio PMI globale si sta attenuando, riteniamo che i PMI del Regno Unito siano tra i più vulnerabili. Sono stati sostenuti dall'indebolimento della sterlina e da un impulso creditizio benevolo derivante dall'estensione del QE e dai tassi d'interesse più bassi attuati dalla Banca d'Inghilterra all'indomani della Brexit, mentre entrambi gli impulsi positivi (FX e credit) verso le PMI del Regno Unito stanno svanendo - e ciò significa ulteriori rischi al ribasso per le PMI del Regno Unito nei prossimi mesi " , afferma Larsen.

Inoltre, facciamo attenzione che una partenza soft di inizio anno è spesso caratteristica nel Regno Unito, il paese tende a vedere migliorare le performance economiche con il passare dei mesi. In effetti, il cattivo tempo che ha caratterizzato l'inizio del 2018 potrebbe ben indicare motivi di miglioramento.

I tassi di Bank of England già in aumento

La questione degli aumenti dei tassi d'interesse della Banca d'Inghilterra è un fattore chiave per la sterlina; la regola empirica è che più veloce è il ritmo previsto di aumenti, più forte è la sterlina, più lento è il tasso di aumenti, più debole sarà la sterlina. Per Nordea Markets, il prezzo della Bank of England è troppo aggressivo considerando l'indebolimento dell'inflazione e lo scarso slancio di crescita. Fino alla fine del 2018 oltre 40 punti base sono quotati nella curva dei futures britannici (oltre alla già grande probabilità implicita di un rialzo a maggio). Ciò implica almeno un ulteriore aumento oltre l'aumento previsto a maggio.

"Con lo svanire dell'inflazione, la crescita dei salari sta aumentando solo moderatamente, non saremmo sorpresi se Bank of England optasse per un hike (aumento dei prezzi dei servizi) morbido a maggio" dice Larsen. "Non è scontato che un hike sarà presto seguito da ulteriori aumenti".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Analisi cambio EUR-GBP: sterlina destinata a scendere?

ArezzoNotizie è in caricamento