Un 22enne stampa in 3D le valvole per le maschere Decathlon. E le dona agli ospedali

Si chiama Alessio Bigini, abita a San Giovanni Valdarno, e con la sua startup Maker House Medical realizza i supporti che adattano le maschere da sub ai respiratori destinati ai pazienti gravi contagiati dal coronavirus

La maschera di Decathlon adattata on le valvole stampate in 3D

Alessio Bigini ha 22 anni, abita a San Giovanni Valdarno, e sin da ragazzino è appassionato di stampa 3D. Dopo il diploma, a 19 anni appena, grazie ai macchinari acquistati, ha avviato una sua attività, collaborando con numerose aziende per prototipazione rapida. Ha aperto un blog, seguitissimo, diventando un punto di riferimento del settore. Da gennaio ha deciso di specializzarsi in ambito sanitario, aprendo la startup Maker House Medical. "In sostanza, mi occupo di ricostruire con la stampa tridimensionale dettagi anatomici per il planning chirurgico". Ad esempio stampa ossa per permettere la pianificazione degli interventi. Con l'esplosione dell'emergenza Covid, però, le operazioni si sono ridotte drasticamente e Alessio ha deciso di non lasciare inutilizzate le sue 25 macchine per stampa 3D, mettendole a disposizione di aziende sanitarie e di tutti i coloro che si stanno adoperando per contenere il contagio. "Siamo molto attivi in questo difficile periodo per cercare di aiutare ospedali, enti, privati", spiega.

Il primo dispositivo realizzato è una mascherina. Alcuni esemplari sono stati distribuiti già nei giorni scorsi: "Stiamo realizzando mascherine stampate in 3D con filtro sostituibile ma anche visiere protettive paraschizzi". E soprattutto, recentemente, anche le famose valvole per contribuire al progetto della bresciana Isinnova, nell'ambito del progetto EasyCovid19 per trasformare le maschere da snorkeling di Decathlon in respiratori Cpap (Continuous Positive Airway Pressure, ovvero Pressione Positiva Continua delle vie aeree).

Le mascherine

"Per quanto riguarda le mascherine - spiega Alessio - si tratta di uno dei dispositivi più ricercati, pertanto noi di Maker House Medical ci siamo messi a disposizione per realizzarne alcune attraverso le nostre stampanti 3d istituendo poi una raccolta fondi per l'ospedale del Valdarno. E' doveroso specificare che questo tipo di maschera non può sostituire quelle regolarmente certificate Ffp2/Ffp3. E’ un dispositivo di emergenza che risulta essere più efficace di soluzioni casalinghe ma non può garantire l’alto livello di protezione che hanno le maschere certificate. I materiali con cui sono costituite le mascherine sono principalmente Pla (plastica naturale dal mais), gomma e altre plastiche biodegradabili".

Le visiere

"Le nostre visiere protettive sono composte da due parti - continua - un archetto realizzato in materiale Petg (un filamento plastico), gentilmente fornito dall’azienda austriaca AprintaPro, sul quale viene fissato mediante 4 fori un foglio in Pvc che ha lo scopo di creare una barriera fisica tra il paziente ed il volto del sanitario. I punti di forza sono la leggerezza e la comodità, infatti ogni visiera pesa poco più di 10 grammi e risulta estremamente pratica durante lo svolgimento dei servizi. Negli scorsi giorni abbiamo donato le visiere protettive alla Misericordia di San Giovanni Valdarno, al 118, al pronto soccorso e alle tende della Gruccia. Adesso dobbiamo consegnarle ad altre associazioni, ai Comuni e ad altri enti pubblici"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le valvole per maschere da snorkeling

Ma un grande contributo sta arrivando con la produzione di valvole per le maschere da sub adattate a respiratori. "Sono due raccordi, che si chiamano Charlotte e Dave da noi realizzate in Pla. Sono state studiate dalla bresciana Isinnova e rilasciate liberamente per essere riprodotte a livello locale, in modo che, quando gli ospedali hanno le maschere Decathlon, possano essere subito adattare ai respiratori Cpap. Al momento abbiamo inviato i primi 20 kit a Brescia. Ma sono già in contatto con l'ospedale San Donato di Arezzo e con il Santa Maria dell Gruccia di Montevarchi per rifornire anche loro", conclude Alessio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre: ipotesi coprifuoco. Novità su scuola e bus

  • Dilettanti, è ufficiale: stop ai campionati

  • Coronavirus Toscana: oggi 866 nuovi casi, 13 i decessi. La mappa provincia per provincia

  • Covid. Ecco la nuova ordinanza regionale. Giani: "Verso didattica a distanza e presenze contingentate nei centri commerciali"

  • Coronavirus: +812 casi oggi in Toscana e due morti. I dati, provincia per provincia

  • Dilettanti, ecco i campionati costretti allo stop

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento