L'agriturismo non si ferma. Evento di Arezzo Fiere

Una giornata di confronto sul settore dell’agriturismo che nell’anno del Covid-19 ha dovuto rimodulare la propria offerta a fronte di un cambiamento globale. Domanda, offerta, comunicazione e istituzioni: quattro tematiche per promuovere l’agriturismo nel futuro

AgrieTour: l’agriturismo non si ferma. E’ questo il titolo della giornata di lavoro che Arezzo Fiere e Congressi, organizzatore del Salone nazionale dell’agriturismo e dell’agricoltura multifunzionale, ha organizzato per il 19 novembre, on line con diretta su Facebook. Punto di riferimento del settore, il più importante a livello nazionale nell’offerta di incontri rivolti esclusivamente al mercato professionale, AgrieTour quest’anno riparte da un confronto che metterà insieme i principali attori della filiera che fino al 2019 aveva continuato a segnare punti di crescita superando di gran lunga quota un miliardo di euro di fatturato.

«Abbiamo raggruppato intorno a questo “tavolo” virtuale gli opinion leader del settore, insieme alle istituzioni, a partire dal Ministero e da Ismea, da sempre partner di AgrieTour – commenta l’Amministratore Unico di Arezzo Fiere, Sandra Bianchi – Un modo per creare un momento di confronto che possa stimolare tutta la filiera a ripartire in maniera diversa in un periodo in cui la pandemia ha cambiato tutti i nostri modi di vivere».

AgrieTour: l’agriturismo non si ferma. Tra bisogni emergenti e resilienza. Il programma della giornata prenderà il via alle 10.30 (in diretta streaming sulla pagina Facebook di AgrieTour) con una tavola rotonda dal titolo “La fotografia dell’agriturismo nell’anno del Covid-19: cosa è cambiato e cosa cambierà”. Dopo i saluti istituzionali, ai quali è prevista anche la partecipazione del Ministro delle Politiche Agricole, Teresa Bellanova, il programma prevede approfondimenti da parte dei principali settori coinvolti con storie ed esperienze raccontate dall’offerta, dalla domanda e dalla comunicazione. Ci sarà poi un momento dedicato alle istituzioni con la partecipazione del Mipaaf e della Rete Rurale Nazionale, Ismea, quindi le Associazioni Agrituristiche Nazionali e un caso particolare, quello della Georgia che sta cercando di replicare il modello italiano di agriturismo.

I Seminari tecnici di AgrieTour. Nel pomeriggio, sulla scia dello storico format di AgrieTour, a cura di Agrigiochiamo, sono programmati tre seminari (per seguirli occorre registrarsi su www.agrietour.it). Il primo alle 15 prende il titolo di “Educazione alla sostenibilità e turismo di prossimità: quali strumenti per raccontare la biodiversità e il cambiamento climatico”, a cura di Slow Food Italia. Alle 16 “Agriturismo e fattoria didattica 2030, i nuovi bisogni e le sfide della sostenibilità”, riguarderà il tema dei nuovi bisogni cui gli agriturismi e le fattorie didattiche si troveranno a dover far fronte in epoca post Covid-19 rispetto alle mutate esigenze del mondo della scuola e di quello della famiglia a partire proprio dal ruolo fondamentale che il settore può rivestire nella transizione ecologica dell'Agenda 2030. Infine alle 17 si parlerà di “Agricoltura sociale quale fenomeno di resilienza”: l’agricoltura sociale come risposta ai rapidi cambiamenti del tempo, con narrazione di esperienze.

Su www.agrietour.it le indicazioni per partecipare e il programma dettagliato della giornata. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

  • Guida Michelin 2021: Arezzo c'è, con una conferma. L'elenco dei ristoranti stellati in Toscana

  • Covid e Natale: attesa per il nuovo Dpcm. Cenoni, aperture e spostamenti al vaglio del governo

  • Travolto assieme al cane mentre attraversa la strada: ferito 31enne

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento