Economia

Coronavirus e bonus nell'agricoltura, Coldiretti: "Già 1800 domande per un totale di 1 milione di euro"

Gli uffici Epaca sono operativi per supportare e facilitare in maniera totalmente gratuita i lavoratori nella richiesta dei 600 euro previsti con il decreto Cura Italia

“Nel primo mese in cui è stato possibile effettuare le domande come da decreto “Cura Italia” che ha istituito le misure di sostegno, abbiamo raggiunto oltre 1 milione nelle richieste per i 600 euro – spiega Daniele Vigni, Responsabile del Patronato Epaca di Coldiretti Arezzo -  per questo abbiamo deciso di mantenere operativi fin da subito tutti i nostri uffici sul territorio, che hanno lavorato attraverso i canali telematici e  con il telefono, mettendo in piedi una filiera di facilitazione e supporto per i tantissimi che ci hanno contatto totalmente gratuita”.

Bilancio delle prime quattro settimane quindi  a cura del Patronato Epaca rispetto al bonus legato all’emergenza da Coronavirus che ha supportato e facilitato 1800 lavoratori nella provincia di Arezzo tra agricoltori, professionisti, commercianti, dipendenti agricoli, stagionali del turismo e dello spettacolo che hanno potuto richiedere gli indennizzi perché lavoratori autonomi, coltivatori diretti, imprenditori agricoli professionali, artigiani e commercianti iscritti alla gestione separata.

“Da Arezzo città a tutte le vallate, i nostri uffici sono continuamente al lavoro per fornire risposte immediate e assistere in maniera gratuita come servizio alla persona, i cittadini che hanno necessità di essere supportati, anche perché il sito dell’INPS in questo momento è aperto dalle 9 alle 16 esclusivamente ai patronati – spiega Vigni – ricordiamo inoltre che è ancora possibile presentare la domanda e che l’accredito arriverà direttamente sul conto corrente senza bisogno di fare altro. L'indennità – prosegue Vigni - non contribuisce alla formazione del reddito e quindi non può essere tassata. Non da luogo a contribuzione figurativa come la cassa integrazione anche in deroga". 
Molti quesiti riguardano i coadiuvanti familiari, per cui è possibile ottenere il bonus purché iscritti all’Inps, tramite una specifica domanda. 

"Come Patronato per i lavoratori dipendenti, stiamo fornendo assistenza gratuita anche nella presentazione del bonus baby sitting ed il congedo straordinario per assistere i figli sotto i 12 anni".

L’agricoltura nonostante le difficoltà ha continuato a lavorare ogni giorno per produrre e garantire le forniture alimentari a tutta la popolazione aretina e non solo.

Coldiretti Arezzo è impegnata sul territorio con le campagne di consegna a domicilio a cura delle aziende di Campagna Amica e delle aziende vitivinicole oltre che con il progetto “Spesa Sospesa” che vede la donazione al termine di ogni mercato degli agricoltori, delle derrate alimentari raccolte in beneficenza alla Caritas Diocesana.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus e bonus nell'agricoltura, Coldiretti: "Già 1800 domande per un totale di 1 milione di euro"

ArezzoNotizie è in caricamento