menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
ferrer_vannetti4

ferrer_vannetti4

Confartigianato Arezzo: "Finalmente i provvedimenti che semplificano l'attività"

“Una serie di provvedimenti urgenti e decisivi per il settore artigiano, strappati con i denti, con il lavoro quotidiano di Confartigianato, che si è battuta duramente con i suoi rappresentanti, anche aretini, ai tavoli istituzionali, per poter...

"Una serie di provvedimenti urgenti e decisivi per il settore artigiano, strappati con i denti, con il lavoro quotidiano di Confartigianato, che si è battuta duramente con i suoi rappresentanti, anche aretini, ai tavoli istituzionali, per poter consentire ai propri associati di essere messi in condizione di lavorare con un quadro di maggiori certezze e semplificato nell'operatività quotidiana". Confartigianato Arezzo le aveva già definite cosi di recente. Parliamo delle opportunità offerte dalla nuova legge di stabilità, tema che è stato al centro dell'appuntamento di Aperitivo in Confartigianato Arezzo di ieri 9 marzo, dedicato a "L'impatto della legge di stabilità sulle Pmi".

Davanti ad una sala davvero gremita di artigiani interessati e partecipi, Andrea Trevisani, direttore nazionale delle politiche fiscali di Confartigianato, ha illustrato gli aspetti di questa nuova normativa nella sua complessità, sottolineando le positività ms anche le prime difficoltà applicative, dando un'informazione completa e molto apprezzata dagli imprenditori aretini di Confartigianato.

Nell'introdurre i lavori, e nel guidare il dibattito, la vicesegretaria di Confartigianato Arezzo, Alessandra Papini, ha anche rivendicato "l'importante contributo del sistema Confartigianato all'ottenimento di una buona quantità dei provvedimenti che vengono analizzati insieme stasera, a testimonianza del ruolo decisivo della nostra confederazione, anche perché i risultati positivi di questo impegno a livello nazionale hanno poi una evidente ricaduta sul territorio".

"Sono numerose - ha spiegato Papini - le misure che riteniamo di fondamentale importanza per il mondo dell'artigianato e per questo abbiamo organizzato questo partecipatissimo incontro per un confronto con gli imprenditori".

Andrea Trevisani ha poi analizzato punto per punto, aprendosi anche alle richieste di approfondimento e spiegazione approfondita dell'attenta platea, quanto previsto dalla nuova legge: "Sono novità significative - ha spiegato - che se utilizzate in maniera attenta, possono rilanciare gli investimenti grazie a incentivi e risorse finanziarie per l'innovazione, la ricerca aziendale e gli investimenti in macchinari e strumenti da lavoro". Il rappresentante di Confartigianato nazionale ha poi analizzato come cambiano i le tasse sulle imprese dal 2017: "Scende l'aliquota Ires - ha specificato - che passa dal 27,5% al 24%, arriva l'Iri sul reddito degli imprenditori che finora pagavano l'Irpef e così viene semplificata la contabilità delle piccole imprese, perché gli imprenditori che pagavano l'Irpef, con aliquote comprese tra il 23 e il 43%., dal 2017, sullo stesso reddito pagheranno invece l'Iri, con aliquota al 24,5%, equiparata a quella dell'Ires". Si è poi soffermato sugli incentivi previsti dalla Legge Sabatini e il rifinanziamento del Fondo centrale di garanzia per le piccole e medie imprese.

Secondo Trevisani la legge di bilancio 2017 "dà nuova linfa alle imprese confermando il credito d'imposta per ricerca e sviluppo, ampliandone i limiti di applicazione e l'importo massimo riconosciuto".

Sono misure che potranno servire agli artigiani e alle Pmi per rilanciare l'innovazione aziendale, rinnovando così il tessuto imprenditoriale. Positive anche le iniziative adottate per le nuove imprese e quelle innovative, che potranno beneficiare delle misure per l'autoimprenditorialità previste dall'incentivo 'Nuove imprese a tasso zero' dedicato a donne e under 35 o l'estensione dell'accesso all'equity crowdfunding a tutte le piccole e medie imprese.

"Certo - ha concluso il direttore nazionale delle politiche fiscali - non è tutto a posto, la crisi morde ancora e vi sono le prime difficoltà nell'applicazione della norma, ma l'impegno di Confartigianato sarà forte, come lo sarà la vigilanza per far si che queste occasioni di miglioramento per la fiscalità e gli investimenti vengano messi rapidamente in campo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Calcio

    Triestina-Arezzo. Le pagelle di Giorgio Ciofini

  • Scuola

    "Social ma non per gioco" i corsi per gli studenti di Foiano

  • Cucina

    I quaresimali: un peccato di gola concesso anche alle monache

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento