rotate-mobile
Venerdì, 30 Settembre 2022

Minestra di pane: e non chiamatela ribollita. La zuppa zero spreco

Calda, avvolgente e vellutata. Una zuppa che dà ufficialmente il via alla stagione invernale e porta in tavola il calore della buona cucina toscana

  • Categoria

    Primo
  • Difficoltà

    Facile
  • Tempo

    3 ore
  • Dosi

    Sei persone
  • 2 cipolle
  • 2 mazzetti di spinaci
  • 2 mazzetti di bietola
  • 400 grammi di fagioli bianchi
  • Un mazzo di cavolo
  • Un porro
  • Mezza verza
  • Concentrato di pomodoro
  • 300 grammi di pane casalingo raffermo
  • Olio di oliva

Procedimento

Mettere a bagno nell'acqua i fagioli e lasciateli per 5 o sei ore.
Dopo averli cotti riduceteli in poltiglia con il passaverdure togliendone prima 3 o 4 cucchiaiate. Una volta passati versateli nel brodo di cottura. 
Successivamente sbucciate le cipolle. Una va tritata finemente e l'altra più grossolana. Tritate e pulite anche il resto delle verdure lasciandole da parte. Fate appassire la cipolla tritata in una casseruola aggiungendovi 5-6 cucchiai di olio e il concentrato di pomodoro.

Dopo qualche minuto aggiungete le verdure, sale, pepe, coprite e fate cuocere adagio per 10 minuti poi aggiungete il passato di fagioli col suo brodo e fate cuocere lentamente per un'ora circa.

Unite infine i fagioli interi e il pane a fette non troppo sottile tagliate a tocchi e fate cuocere un altro quarto d'ora, quindi spegnete il fuoco.

La ricetta

Winter is coming e pure la minestra di pane. Se è vero che l'inverno è alle porte allora è altamente che qualcosa bolla in pentola. Letteralmente. E cosa c'è di meglio che una fumante, profumata e sublime zuppa? Niente. Non c'è niente di meglio. Ad Arezzo, come nel resto della Toscana, la minestra di pane è una delle costanti della stagione fredda. Nata come buona parte dei piatti poveri della tradizione contadina dal mantra "In cucina non si butta via nulla" il caldo primo piatto è tra i più conosciuti in tutta Italia (e non solo). Ma attenzione la minestra di pane è una cosa e la ribollita è un'altra. Si assomigliano ma non sono uguali.  La seconda è di fatto l'evoluzione della prima e viene fatta, di solito, il giorno dopo con l'avanzo del preparato saltato in padella.

(ClaFa)

Winter is coming e pure la minestra di pane. Se è vero che l'inverno è alle porte allora è altamente che qualcosa bolla in pentola. Letteralmente. E cosa c'è di meglio che una fumante, profumata e sublime zuppa? Niente. Non c'è niente di meglio. Ad Arezzo, come nel resto della Toscana, la minestra di pane è una delle costanti della stagione fredda. Nata come buona parte dei piatti poveri della tradizione contadina dal mantra "In cucina non si butta via nulla" il caldo primo piatto è tra i più conosciuti in tutta Italia (e non solo). Ma attenzione la minestra di pane è una cosa e la ribollita è un'altra. Si assomigliano ma non sono uguali.  La seconda è di fatto l'evoluzione della prima e viene fatta, di solito, il giorno dopo con l'avanzo del preparato saltato in padella.

(ClaFa)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minestra di pane: e non chiamatela ribollita. La zuppa zero spreco

ArezzoNotizie è in caricamento