Venerdì, 30 Luglio 2021

L'insalata di riso della zia Fanny: il piatto unico che tutti sognano

La ricetta semplice e buona di un piatto unico che rappresenta la quinta essenza dell'estate

  • Categoria

    Primo
  • Difficoltà

    Facile
  • Tempo

    20 minuti
  • 1 condiriso grande
  • fontina tagliata a cubetti
  • prosciutto cotto
  • würstel (prima li lesso che non vanno mangiati crudi)
  • tonno
  • olive
  • uova sode
  • sale
  • limone
  • pepe
  • olio

Procedimento

In una ciotola di acqua bollente versate il riso e fatelo lessare avendo cura di cuocerlo qualche minuto in meno rispetto ai tempi indicati nella confezione. Scolatelo dall'acqua e lasciatelo raffreddare. Nel frattempo lessate i würstel, tagliate la fontina a tocchetti, il prosciutto cotto e lessate le uova. Una volta freddato il riso aggiungete gli ingredienti tritati, il condiriso, tonno e olive. Condite con sale, pepe, olio e una spruzzata di limone. Da ultimo affettate le uova sode e disponetele sopra all'insalata (per i più golosi può essere aggiunto anche un tocco di maionese). 

Servite ben freddo. Se lo preparate il giorno prima è più gustoso.

La ricetta

L'insalta di riso della zia Fanny io non l'ho mai mangiata. No, mai. Nonostante lunghi mesi trascorsi lontani dalla vita mondana e costretti a cucinare giorno e notte, lei non ha mai pensato di propormi questo piatto. Eppure, dico io, che estate sarebbe senza una bella ciotola di insalata di riso? Un piatto che sicuramente ciascuno di noi ha più volte sperimentato e preparato per pic nic o pranzi informali. Ottimo come antipasto, se condito a dovere diventa un piatto unico meraviglioso, completo e ben bilanciato. Nella speranza di assaggiare presto la versione di zia Fanny pubblichiamo di seguito la sua ricetta, estortale con qualche piccolo stratagemma.

ClaFa

Un calice in abbinamento

Per questa ricetta, diffusa un po' ovunque nello Stivale, lasciamo perdere gli abbinamenti tradizionali. E ci lasciamo guidare dal palato. Piatto freddo, semplice, estivo. Da abbinare con un vino "pragmatico", di pochi orpelli e grande beva. Puntiamo sulla terra dei vini spensierati: ovvero l'Emilia. Qui nascono vini - rossi, rosati, bianchi, mossi o fermi - freschissimi, versatili, ideali compagni della buona tavola giornaliera. Su tutti, in questo caso, possiamo puntare sull'Ortrugo Colli Piacentini Frizzante Doc. Un vino bianco mosso con una spalla acida ben presente (in grado di bilanciare la tendenza dolce del riso) ma non aggressiva, un corpo non invadente, che si sposa a meraviglia con leggerezza del piatto. Profumato di fiori campestri e frutta a polpa bianca, in bocca è saporoso, ideale compagno della nostra insalata di riso.

Mat. Cial. 

L'insalta di riso della zia Fanny io non l'ho mai mangiata. No, mai. Nonostante lunghi mesi trascorsi lontani dalla vita mondana e costretti a cucinare giorno e notte, lei non ha mai pensato di propormi questo piatto. Eppure, dico io, che estate sarebbe senza una bella ciotola di insalata di riso? Un piatto che sicuramente ciascuno di noi ha più volte sperimentato e preparato per pic nic o pranzi informali. Ottimo come antipasto, se condito a dovere diventa un piatto unico meraviglioso, completo e ben bilanciato. Nella speranza di assaggiare presto la versione di zia Fanny pubblichiamo di seguito la sua ricetta, estortale con qualche piccolo stratagemma.

ClaFa

Un calice in abbinamento

Per questa ricetta, diffusa un po' ovunque nello Stivale, lasciamo perdere gli abbinamenti tradizionali. E ci lasciamo guidare dal palato. Piatto freddo, semplice, estivo. Da abbinare con un vino "pragmatico", di pochi orpelli e grande beva. Puntiamo sulla terra dei vini spensierati: ovvero l'Emilia. Qui nascono vini - rossi, rosati, bianchi, mossi o fermi - freschissimi, versatili, ideali compagni della buona tavola giornaliera. Su tutti, in questo caso, possiamo puntare sull'Ortrugo Colli Piacentini Frizzante Doc. Un vino bianco mosso con una spalla acida ben presente (in grado di bilanciare la tendenza dolce del riso) ma non aggressiva, un corpo non invadente, che si sposa a meraviglia con leggerezza del piatto. Profumato di fiori campestri e frutta a polpa bianca, in bocca è saporoso, ideale compagno della nostra insalata di riso.

Mat. Cial. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'insalata di riso della zia Fanny: il piatto unico che tutti sognano

ArezzoNotizie è in caricamento