Le fettuccine all'Alfredo: dagli States con furore. Il piatto di pasta più famoso del mondo

La ricetta è una versione più semplice e delicata della cacio e pepe e le sue origini restano, sotto molti punti di vista, un mistero

  • Categoria

    Primo
  • Difficoltà

    Facile
  • Tempo

    20 minuti
  • Dosi

    4 porzioni
  • 500 grammi di fettuccine
  • 90 grammi di burro
  • 90 grammi parmigiano
  • sale

Procedimento

Mettete a bollire abbondante acqua in una pentola e, una volta che avrà raggiunto il bollore, salatela e poi immergetevi le fettuccine. Per comodità suggeriamo di utilizzare delle fettuccine confezionate anche se, ovviamente, quelle fatte in casa sono preferibili e più gustose. Lasciate cuocere la pasta per qualche minuto e, raggiunto il tempo di cottura, scolate la pasta e tenete da parte un paio di mestoli di acqua di cottura. In una padella ampia mettete il burro e fate cuocere a fuoco lento, quando sarà fuso aggiungete il parmigiano e le fettuccine scolate. Mescolate il tutto e se necessario aggiungete un mestolo di acqua della cottura della pasta.

La ricetta

In America le chiamano fettuccine all'Alfredo ma in Italia non sono altro che una versione "soft pop" del cacio e pepe. Quali siano le origini di questo primo piatto è ancora oggi uno dei misteri sui quali gli italiani di tutto l'universo di arrovellano. Chi era Alfredo? Perché ha importato questo piatto negli States? Interrogativi che attendono risposte certe e certificate anche se, secondo alcune ricostruzioni, il signor Alfredo nel 1914 era proprietario di un ristorante a Roma in via della Scrofa il quale, per rimettere in forze la moglie dopo le fatiche di una complicata gravidanza, le avrebbe preparato un piatto di fettuccine all’uovo condite con abbondanti burro e parmigiano. Successivamente il piatto venne inserito anche nel menù della sua trattoria. E qui, leggenda vuole, che un bel giorno dalla porta entrarono Mary Pickford e Douglas Fairbanks, due famosi attori della vecchia Hollywood. Ai due il piatto piacque così tanto che regalarono ad Alfredo una forchetta e un cucchiaio d’oro con scritto “grazie ad Alfredo il re delle fettuccine”. Sparsasi la voce della bontà di questo piatto molti attori di passaggio a Roma si recarono ad assaggiare il piatto di pasta più famoso del mondo.

ClaFa

Un calice in abbinamento

Vino bianco fermo appare la scelta migliore. E in omaggio all'America, puntiamo con decisione anche su un vino d'Oltreoceano: negli Usa ci sono almeno due stati che producono quantità considerevoli di vino, con alcune vette qualitative non trascurabili. In misura minore l'Oregon e, soprattutto, la California. Di tutte le regioni vitivinicole californiane, la più celebre è certamente la Napa Valley, rinomata per vini rossi da uve Cabernet Sauvignon particolarmente concentrati e opulenti, ma ci sono altre aree vocate, come ad esempio la contea di Sonoma. La sottozona costiera, Sonoma Coast, a una manciata di chilometri a nord di San Francisco, può essere culla per chardonnay intriganti, freschi, minerali eleganti. Un calice di Sonoma Coast Chardonnay Ava (American viticultural area, l'omologo delle nostre Doc e Docg) può essere un ottimo compagno delle fettuccine.

Mat.Cial.

In America le chiamano fettuccine all'Alfredo ma in Italia non sono altro che una versione "soft pop" del cacio e pepe. Quali siano le origini di questo primo piatto è ancora oggi uno dei misteri sui quali gli italiani di tutto l'universo di arrovellano. Chi era Alfredo? Perché ha importato questo piatto negli States? Interrogativi che attendono risposte certe e certificate anche se, secondo alcune ricostruzioni, il signor Alfredo nel 1914 era proprietario di un ristorante a Roma in via della Scrofa il quale, per rimettere in forze la moglie dopo le fatiche di una complicata gravidanza, le avrebbe preparato un piatto di fettuccine all’uovo condite con abbondanti burro e parmigiano. Successivamente il piatto venne inserito anche nel menù della sua trattoria. E qui, leggenda vuole, che un bel giorno dalla porta entrarono Mary Pickford e Douglas Fairbanks, due famosi attori della vecchia Hollywood. Ai due il piatto piacque così tanto che regalarono ad Alfredo una forchetta e un cucchiaio d’oro con scritto “grazie ad Alfredo il re delle fettuccine”. Sparsasi la voce della bontà di questo piatto molti attori di passaggio a Roma si recarono ad assaggiare il piatto di pasta più famoso del mondo.

ClaFa

Un calice in abbinamento

Vino bianco fermo appare la scelta migliore. E in omaggio all'America, puntiamo con decisione anche su un vino d'Oltreoceano: negli Usa ci sono almeno due stati che producono quantità considerevoli di vino, con alcune vette qualitative non trascurabili. In misura minore l'Oregon e, soprattutto, la California. Di tutte le regioni vitivinicole californiane, la più celebre è certamente la Napa Valley, rinomata per vini rossi da uve Cabernet Sauvignon particolarmente concentrati e opulenti, ma ci sono altre aree vocate, come ad esempio la contea di Sonoma. La sottozona costiera, Sonoma Coast, a una manciata di chilometri a nord di San Francisco, può essere culla per chardonnay intriganti, freschi, minerali eleganti. Un calice di Sonoma Coast Chardonnay Ava (American viticultural area, l'omologo delle nostre Doc e Docg) può essere un ottimo compagno delle fettuccine.

Mat.Cial.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le fettuccine all'Alfredo: dagli States con furore. Il piatto di pasta più famoso del mondo
ArezzoNotizie è in caricamento