Polpette al sugo: belle, buone e zero spreco. La ricetta

Il procedimento per realizzare delle polpette al sugo di pomodoro buone e veloci da preparare

  • Categoria

    Secondo
  • Difficoltà

    Facile
  • Tempo

    30 minuti
  • polpette avanzate
  • rigatino
  • pomodoro
  • odori
  • brodo

Procedimento

Qui la ricetta delle polpette. Preparate un battuto di cipolla, carota, sedano e prezzemolo. Fatelo soffriggere insieme a dell'olio d'oliva in una padella e poi unitevi anche del rigatino tritato finemente. Quando la cipolla sarà appassita sfumate il tutto con un po' di vino. Una volta evaporato aggiungete del pomodoro maturo a pezzi e del concentrato. Fate cuocere per una ventina di minuti e bagnate con un mestolo di brodo o, in alternativa, acqua calda. Aggiustate di sale, pepe e poi unite le polpette. Fatele insaporire per una decina di minuti e abbiate cura di presentarle in tavola con una buona quantità di sugo di pomodoro.

La ricetta

Avete in frigo delle polpette avanzate? Non sapete cosa inventarvi? Bè la risposta ovviamente la trovate nelle ricette della nonna quelle dove, nessun ingrediente e nessun cibo finiva nel pattume. Le polpette al sugo di pomodoro sono una specialità che non ha una zona specifica di provenienza. Da nord a sud, da est ad ovest, questo piatto viene proposto in ogni tavola. Di seguito proponiamo la versione di polpette al sugo riportata da Piero Benigni nel suo libro (e nostra bibbia culinaria) "Le mille ricette aretine".

Ps. La ricetta di come fare le polpette la trovate QUI

(Clafa)

Un calice in abbinamento

Un piatto ricco di gusto della tradizione che chiama un vino altrettanto pop e di pronta beva. La scelta non è scontata e, come sempre, solo la prova dell'assaggio darà il responso sull'abbinamento ideale. Potenzialmente bollicine (meglio rosé o rosse) e bianchi fermi non sono da escludere. Ma viriamo su un rosso, perché servono un po' d'alcol e di tannino per bilanciare untuosità e succulenza tipiche dell'umido. Che sia fresco, però, per contrastare efficacemente la naturale tendenza dolce della carne, del pane, del formaggio. Vino giovane, profumato e di sostanza per reggere l'impatto non banale di una strutturata polpetta. Puntiamo tutto sul Morellino di Scansano Docg, vino di tradizione, dal tannino vellutato anche in gioventù, dal sorso pieno e dai profumi di prugna, ciliegia sotto spirito, frutti di bosco e violette.

Mat.Cial.

Avete in frigo delle polpette avanzate? Non sapete cosa inventarvi? Bè la risposta ovviamente la trovate nelle ricette della nonna quelle dove, nessun ingrediente e nessun cibo finiva nel pattume. Le polpette al sugo di pomodoro sono una specialità che non ha una zona specifica di provenienza. Da nord a sud, da est ad ovest, questo piatto viene proposto in ogni tavola. Di seguito proponiamo la versione di polpette al sugo riportata da Piero Benigni nel suo libro (e nostra bibbia culinaria) "Le mille ricette aretine".

Ps. La ricetta di come fare le polpette la trovate QUI

(Clafa)

Un calice in abbinamento

Un piatto ricco di gusto della tradizione che chiama un vino altrettanto pop e di pronta beva. La scelta non è scontata e, come sempre, solo la prova dell'assaggio darà il responso sull'abbinamento ideale. Potenzialmente bollicine (meglio rosé o rosse) e bianchi fermi non sono da escludere. Ma viriamo su un rosso, perché servono un po' d'alcol e di tannino per bilanciare untuosità e succulenza tipiche dell'umido. Che sia fresco, però, per contrastare efficacemente la naturale tendenza dolce della carne, del pane, del formaggio. Vino giovane, profumato e di sostanza per reggere l'impatto non banale di una strutturata polpetta. Puntiamo tutto sul Morellino di Scansano Docg, vino di tradizione, dal tannino vellutato anche in gioventù, dal sorso pieno e dai profumi di prugna, ciliegia sotto spirito, frutti di bosco e violette.

Mat.Cial.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Polpette al sugo: belle, buone e zero spreco. La ricetta

ArezzoNotizie è in caricamento