menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dpcm e zone di rischio in vigore da venerdì. La Toscana è gialla: la diretta del premier Conte

Il decreto entra in vigore venerdì, Conte ha annunciato un giorno in più di attesa per permettere a tutti di organizzarsi

Alle 20,20 il premier Conte enrra di nuovo nelle case degli aretini con la diretta che spiega il nuovo decreto del presidente del consiglio dei ministri. 

20,23 - "Sono 21 i criteri con i quali si distinguono le tre aree: gialla, arancione, rossa, ciascuna con le sue misure restrittive che entreranno in vigore venerdì, per consentire a tutti di organizzare le proprie attività."

20,24 - "Il ministro Speranza ha preparato i decreti per dividere le regioni italiane nelle tre fasce"

20,25 - "La prima è l'area gialla con criticità moderata" spiega Conte "vi rientrano Abruzzo, Basilicata, Campania, Lazio, Liguria, Sardegna, Toscana e le province di Trento e Bolzano, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Marche, Molise, Umbria e Veneto. Qui è vietato circolare dalle 22 alle 5 salvo motivi specifici come lavoro, necessità salute, e si devono limitare gli spostamenti anche durante il giorno. Nei festivi e pre-festivi saranno chiusi i negozi dei centri commerciali salvoalimentari, edicole, farmacie, parafarmacie e tabacchi. Chiudono mostre e musei. La didattica a distanza viene applicata al 100% per gli istituti superiori di secondo grado, fatta eccezione per studenti con disabilità e per l'uso dei laboratori. Restano in presenza le scuole dell'infanzia, le elementari e le medie. Le attività didattiche nelle università si terranno a distanza tranne che per le matricole e per l'uso di laboratori. Sono sospese le prove pre selettive in presenza, i concorsi pubblici e privati, con alcune eccezioni come per le abilitazioni di medici, operatori sanitari e di protezione civile. Il trasporto pubblico potrà avere un carico massimo del 50% ad eccezione del trasporto scolastico. Sospese giochi e videogiochi anche nei bar e nelle tabaccherie. Bar e ristoranti sono aperti fino alle 18,00, l'asporto è consentito fino alle 22, per la consegna a domicilio non ci sono restrizioni di orario. Restano chiuse piscine, palestre, teatri e cinema. Restano aperti i centri sportivi."

mappa regioni rosse gialle arancioni-2-2

Conte ha poi presentato le altre due zone di rischio.

Le regioni in fascia arancione sono la Puglia e la Sicilia. Il livello di criticità è medio-alta. Vietato circolare dalle 22 alle 5 del mattino, salvo i casi previsti. Qui sono vietati gli spostamenti in entrata e uscita da una regione all'altra e anche da un comune all'altro, solo per servizi non disponibili nel proprio comune, solo se necessari. Chiusi bar e ristoranti 7 giorni su 7. L'asporto è consentito fino alle 22, non ci sono restrizioni per la consegna a domicilio. A queste misure si sommano quelle già previste per le regioni di area gialla.

Le zone in fascia rossa sono infine Calabria, Lombardia, Piemonte e Valle d'Aosta. Qui la criticità è alta. E' vietato ogni spostamento in qualsiasi orario anche all'interno del proprio comune, a parte che per lavoro, salute e necessità. Vietati gli spostamenti da un comune all'altroe da una regione all'altra. Chiusi bar e ristoranti 7 giorni su 7, asporto consentito fino alle 22, consegne a domicilio non hanno restrizioni di orario. Chiudono tutti i negozi, fatta eccezione per supermercati alimentari e vendita di beni di prima necessità. Restano aperte edicole, tabaccherie, farmacie, parafarmacie, lavanderie, parrucchieri e barbieri. Chiusi i centri estetici. Per la scuola prevista la didattica a distanza per la secondaria di secondo grado e in più per le seconde e le terze della scuola media. Restano aperte quindi le scuole dell'infanzia, le elementari e la prima media. Non abbiamo voluto imporre sacrifici agli studenti che hanno iniziato da poco il nuovo ciclo scolastico, si sono conosciuti da poco con i loro compagni e con i loro professori ed è giusto che proseguano in presenza. Sono sospese tutte le attività sportive e chiusi i centir sportivi, rimane consentita l'attività motoria nei pressi della propria abitazione e quella sportiva ma in maniera individuale.

"Avrete notato che non ci sono regioni ricomprese in aree verdi, la pandemia corre ovunque, non ci sono regioni e territori che possono sottrarsi a questo regime di misure restrittive. Il nuovo Dpcm entrerà in vigore il 6 novembre fino al 3 dicembre. Con future ordinanze del ministro della salute ci saranno gli aggiornamenti in base al recepimento del monitoraggio periodico del Iss, rappresentanti regioni e ministero della salute e condivisi con il Comitato tecnico scientifico. Una regione se presenta per 14 giorni sìconsecutivi dati migliori, può scendere in una classe di rischio minore, ce lo auguriamo tutti."

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Psicodialogando

    Come si trasforma il nostro corpo quando ci innamoriamo

  • Eventi

    Benedetta Torrini vince Sanremo Newtalent

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento