menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Zanardi, condizioni stabili: oggi l'ultimo bollettino. La lettera di Papa Francesco

Alex Zanardi sta combattendo la sua durissima battaglia da venerdì 19 giugno, quando durante la maratona "Obiettivo tricolore", a bordo della sua handbike ha avuto un terribile incidente

E' sempre in condizioni stazionarie, ricoverato nella terapia intensiva del policlinico Santa Maria alle Scotte di Siena. Alex Zanardi sta combattendo la sua durissima battaglia da venerdì 19 giugno, quando durante la maratona "Obiettivo tre", a bordo della sua handbike ha avuto un terribile incidente. Poche ore prima aveva fatto tappa a Castiglion Fiorentino, accolto con grande gioia da cittadini e amministratori.

"L’atleta - riporta il bollettino medico diramato dal nosocomio senese - ha trascorso la quinta notte di degenza senza sostanziali variazioni nelle sue condizioni cliniche, per quanto riguarda i parametri cardio-respiratori e metabolici, e rimane grave il quadro neurologico.

Continua il neuromonitoraggio e viene valutato costantemente da un’équipe formata principalmente da anestesisti-rianimatori e neurochirurghi, affiancata da un team multidisciplinare in base alle diverse esigenze cliniche. Il paziente è sempre sedato, intubato e ventilato meccanicamente e la prognosi rimane riservata. 

Dopo un confronto con i familiari del campione paralimpico, i medici hanno deciso di non diffondere altri bollettini sino a quando non ci saranno variazioni significative sul suo stato di salute.

Intanto Papa Francesco ha preso carta e penna e ha scritto una lettera a Zanardi, pubblicata dalla Gazzetta dello Sport.

"Carissimo Alessandro, la sua storia è un esempio di come riuscire a ripartire dopo uno stop improvviso. Attraverso lo sport ha insegnato a vivere la vita da protagonisti, facendo della disabilità una lezione di umanità. Grazie per aver dato forza a chi l'aveva perduta" le parole del Pontefice.

"In questo momento tanto doloroso le sono vicino, prego per lei e la sua famiglia. Che il Signore la benedica e la Madonna la custodisca. Fraternamente, Francesco".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lampi e tuoni, come calcolare la distanza di un temporale

social

La leggenda di Matelda, la "vedova nera" dei Conti Guidi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento