rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Cronaca

"Violentata nella baracca", in aula il presunto aggressore e la mamma della giovane

L'episodio, che risale al luglio del 2019, sarebbe avvenuto in una baracca nei pressi dell'Esselunga. Accusato di violenza sessuale un 50enne di origini rumene

Era una sera del luglio del 2019 quando avvenne la presunta violenza. Lei 19enne, lui 50enne: avevano trascorso qualche ora insieme, poi avevano raggiunto una sorta di baracca nei pressi del supermercato Esselunga. E fu lì, che secondo il racconto della ragazza, si consumò uno stupro.

E' una storia drammatica, avvenuta in un contesto sociale complesso, di degrado, quella ripercorsa questa mattina in aula, presso il tribunale di Arezzo di fronte al collegio presieduto dal giudice Filippo Ruggiero. In una lunga udienza è stato ascoltato l'imputato - difeso dall'avvocato Domenico Nucci - , due rumeni che conoscevano l'uomo ed erano stati allontanati dalla baracca e la mamma della ragazza. 

Parole toccanti, quelle della donna, che vive con la figlia in città. Un racconto che ha risvegliato il dolore per quella drammatica vicenda. 

L'uomo è accusato di aver avuto un rapporto sessuale non consenziente con la ragazza, approfittando delle fragilità della giovane.  Il 50enne l'avrebbe circuita e poi l'avrebbe condotta nella baracca. I due avrebbero mangiato e bevuto qualcosa insieme. A quel punto - stando a quanto sostenuto dall'accusa - si sarebbe consumata la violenza. Quando la ragazza riuscì ad andarsene, chiese aiuto. Gli agenti della Squadra Mobile si occuparono di lei e i medici refertarono alcune lesioni. 

La versione dell'imputato però è totalmente opposta, come ha ribadito in aula: sostiene che la giovane fosse consenziente. 

Una vicenda delicatissima dunque.

Durante l'udienza preliminare l'allora 19enne - assistita dall'avvocato Vanni -  ha raccontato la sua verità: una testimonianza che è stata cristallizzata e che adesso ha il valore di una prova. 

La prossima udienza verrà ascoltato il medico legale che si occupò del caso. Poi inizierà la discussione, nel gennaio del 2022. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Violentata nella baracca", in aula il presunto aggressore e la mamma della giovane

ArezzoNotizie è in caricamento