Cronaca

Il maltempo flagella la provincia: scoperchiato il Todis di Arezzo, piante abbattute

Il vento flagella l'Aretino, alberi caduti a Castiglion Fiorentino, Foiano e Ponticino

L'ondata di maltempo sta colpendo anche la provincia di Arezzo.

Sono numerosi gli interventi portati a termine dai vigili del fuoco del comando aretino e tanti quelli più lievi in coda.

Più che la pioggia è ancora il vento forte a creare i maggiori disagi: è volata via la copertura del supermercato Todis, sullo stradone di Santa Margherita.

Impressionanti le immagini della struttura che copriva il capannone precipitata a fianco del discount. Anche in questo caso i vigili del fuoco aretini si sono attivati per mettere in sicurezza la zona.

Ma non ci sono vallate della provincia che sono state risparmiate dalla violente folate di vento, con danni e disagi di proporzioni differenti.

todis-tetto2-2

Come in Valdichiana, a Castiglion Fiorentino (in località Brolio) dove si è registrato l'intervento di una squadra (5 unità) con autoscala per alcune tegole e grondaia di un'abitazione pericolanti.

maltempo-vento-castiglion-fiorentino

Da questa mattina, le chiamate per richieste di intervento si sono moltiplicate. Qua e là, ci sono stati anche allagamenti.

E, nonostante tutto, Arezzo rappresenta una delle aree in cui il maltempo è stato più clemente in Toscana, tanto che alcuni vigili del fuoco del territorio sono stati inviati sui teatri dell'emergenza nel Senese e nel Grossetano.

Si registrano inoltre numerose piante abbattute dalla furia del vento: a Castiglion Fiorentino (immagini Play video di Jonathan Barillari), tra Ponticino e Indicatore e in località Farniole, a Foiano della Chiana.

Il vento abbatte rami e tronchi

Così in Toscana

Intanto - fa sapere la Regione Toscana - che c'è raccordo continuo con gli uffici nazionali della Protezione Civile e con tutti i soggetti che a livello locale sono impegnati nelle attività per mitigare i danni provocati dall'ondata di maltempo che in queste ore sta interessando tutta la penisola. In Toscana il sistema regionale di Protezione Civile prevede incontri in videoconferenza periodici con Province, Prefetture, Centro Funzionale Regionale, Lamma, gli uffici del Genio civile regionale e la Direzione Regionale dei Vigili del Fuoco. L'ultima riunione si è svolta oggi intorno alle ore 12. E' stato fatto il punto sulle criticità in atto e su quelle attese nelle prossime ore. È stato anche confermato il completo dispiegamento dei soggetti operativi sul territorio, l'attivazione dei Centri Operativi Provinciali e Comunali e l'attivazione del Volontariato oltre che degli uffici del Genio Civile della Regione. Oltre a questo, parallelamente, vengono svolte più riunioni di coordinamento operativo nell'arco delle ventiquattrore con la Protezione Civile nazionale e tra tutte le Regioni oggetto dell'allerta, tra cui la Toscana.

Le situazioni più preoccupanti al momento sono quelle determinate dalle forti piogge che stanno interessando l'alta Lunigiana. Ma destano preoccupazione anche le forti raffiche che stanno spazzando da nord a sud l'intera regione.

La Protezione Civile della Regione Toscana raccomanda la massima attenzione sia per gli effetti del vento a causa di rotture di rami, caduta di alberi, tegole e cornicioni, danni alle strutture provvisorie ed in maniera isolata agli edifici, che per l'azione delle onde sulle coste esposte che potranno interessare anche le infrastrutture costiere. Per informazioni più dettagliate e per le norme di comportamento da tenere in occasione di tali fenomeni consultare la pagina www.regione.toscana.it/allertameteo.

Come già ricordato, l'allerta meteo è stato prolungato fino alla giornata di domani.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il maltempo flagella la provincia: scoperchiato il Todis di Arezzo, piante abbattute

ArezzoNotizie è in caricamento