Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Se il Valtina fa paura: sopralluogo della Regione a Bagnoro. "Fondi già stanziati, serve una deviazione del corso delle acque"

 

"Forse questa volta qualcuno ci ascolterà: probabilmente ci voleva l'allagamento della chiesa per prendere i provvedimenti necessari". Sono sconsolati i residenti del Bagnoro. Ancora una volta il Rio Valtina, piccolo torrente che lambisce l'abitato, è esondato. Con impeto e nel giro di pochi secondi, sabato pomeriggio l'ondata di piena ha invaso in campi circostanti e poi è arrivata oltre, fino alla chiesa. Qui acqua, fango e detriti si sono fatti strada nella navata, inondandola: 1 metro e 80 centimetri.

Questa mattina la Regione ha svolto un sopralluogo anche sulle sponde del Rio. Una delegazione del genio civile, guidata dall'ingegner Leandro Radicchi, insieme all'assessore regionale Vincenzo Ceccarelli e alla vicepresidente del Consiglio Regionale Lucia De Robertis. 

"Il torrente Valtina  in corrispondenza della strada comunale del colle è esondato sia in destra che, e soprattutto, in sinistra - ha spiegato Radicchi - determinando numerosi allagamenti. E' inutile dire che il fenomeno è stato molto intenso e molto raro, questo ci ricorda che quanto prima dobbiamo mettere mano al riassetto idraulico del corso d'acqua che è comunque molto impegnativo sia dal punto di vista finanziario che tecnico". 

I fondi per i lavori di riassetto sarebbero disponibili dal 2013, affermano dalla Regione, e ci sarebbe anche un progetto che dovrebbe prevedere prima la ripulitura del torrente, poi la deviazione del corso d'acqua a monte dell'abitato fino a farlo immettere nel Vingone e infine il rifacimento dei ponti previa l'asportazione delle tubature che si trovano sotto le strutture. Insomma un lavoro importante nel quale i residenti di Bagnoro ripongono le loro speranze. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento