menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vite sospese aspettando un vaccino, il grido d'allarme dei più fragili. Le storie

Viviana, mamma di tre figli immuno depressa, Giuseppe, diabetico: vivono in un limbo aspettando di essere contattati per ricevere la prima dose. E' caos sui vaccini per le persone vulnerabili

Una segnalazione dopo l'altra, chiamate continue. Il dilemma è come fare a vaccinarsi e a porlo sono le persone ritenute estremamente fragili. Le testimonianze in questi giorni si susseguono, in un infinito grido di allarme di chi appartiene a cateforie ritenute vulnerabili che si sentono sospese in un limbo. Perché l'attesa per un vaccino sembra non finire mai. 

Le testimonianze 

"Sono un diabetico, categoria fragili, 55 anni - racconta Giuseppe in un accorato messaggio alla redazione in cui racconta la sua "storia sospesa".

"Il 4 marzo si apre il portale per vaccinare i fragili, dopo molti giorni riesco a prenotarmi, dopo una settimana mi dicono che la prenotazione è ok e che mi arriverà un codice. Il 23 marzo mi arriva un codice e un link. Il link porta a una pagina per prenotarsi sempre bloccata e inaccessibile. Dopo 4 giorni di tentativi cambia la scritta, ora dice "vaccini esauriti" attendere nuovo aggiornamento. 3 aprile giorni fa riapre il portale, riprovo a prenotarmi ma ora mi dice che il mio codice non è valido. Dopo molte email e tefonate scopro che hanno cambiato le regole in corsa, lo hanno deciso il 6 aprile ora chi ha il diabete non si deve più prenotare, chiameranno loro. Si, chiameranno loro. Ma quando?!? Io sono qui che aspetto dal 4 marzo. Quando mi chiameranno ve lo scrivo".

Persone giovani, che afforntano ogni giorno le difficoltà di patologie che le rendono fragili e che al tempo stesso si trovano a rincorrere un vaccino più importante che mai. 

La storia di Sandra: "Impossibile iscriversi nel registro"

"È una vergogna: i giovani che lavorano, ma sono fragili e hanno famiglia come devono fare?" scrive Viviana, mamma di tre figli e con una situazione delicatissima. 

"Ho fatto iscrizione un mese fa -racconta - rientro categoria a: ho tre patologie autoimmuni di cui una rara in cura con medicinale biotecnologico quindi immunodepressa. Ho tre figli, 45 anni e ancora non sono stata chiamata ... Prima mi è arrivato il messaggio con il codice  per la prenotazione, poi quel codice lo hanno passato a mio marito, anche lui fragile ma di categoria b. E a me è stato inviato un messaggio per avvisarmi che sarò contattata dalla Usl. Il giorno del mai".

La rabbia e la delusione di questa mamma sono palpabili. Nel frattempo i figli sono tornati a scuola, non è stato possibile prolungare la didattica a distanza, mentre i genitori non sanno quando saranno vaccinati. Ogni giorno è vissuto come un rischio. 

Le direttive della Regione

Ma cosa prevede la Regione per le persone estremamente vulnerabili? Chi ha meno di 80 anni ed è vulnerabile deve prima capire se appartiene alla categoria A  o alla B. Chi fa parte della prima dovrebbe essere contattata direttamente dalla struttura sanitaria di riferimento e non devo fare alcuna prenotazione sul portale (anche se hanno già ricevuto sms con codice). Chi appartiene alla seconda e si è registrato sul portale regionale, può prenotare la vaccinazione sul portale, con il codice di prenotazione (8 cifre) ricevuto per sms quando le prenotazioni saranno riaperte.
 
Le persone portatrici di disabilità gravi ai sensi della legge 104/1992 art.3 comma 3 che si sono registrate sul portale regionale, possono prenotare la vaccinazione sul portale con il codice di prenotazione (8 cifre) ricevuto per sms quando le prenotazioni saranno riaperte. E’ necessario presentarsi con la documentazione che attesti la condizione di disabilità.
Le persone estremamente vulnerabili e/o con disabilità gravi che hanno dichiarato di essere impossibilitate a muoversi vengono contattate dalle aziende sanitarie territoriali e vaccinate a domicilio. 

Ma i giorni passano e molti lamentano di non esser stati contattati. Chi appartiene alla categoria B non riesce a fare la preregistrazione in attesa della prenotazione. E tutti restano nel limbo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento