menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tenta la truffa dello specchietto, ma la vittima chiama i carabinieri. Malvivente scappa e si schianta con l'auto

Movimentato episodio ieri a Ceciliano dove un uomo a bordo di una Panda rossa ha messo in scena il raggiro. La donna presa di mira però ha chiamato subito le forze dell'ordine mettendo in fuga il truffatore

Ha tentato di mettere a segno la "truffa dello specchietto", ma la vittima designata non si è fatta irretire e, telefono alla mano, ha chiamato i carabinieri sventando il raggiro. Vistosi con le spalle al muro, infatti, il malintenzionato si è dato alla fuga. Fin quando con la sua auto, una Panda rossa, non è finito contro un marciapiede e si è schiantato. Prima è stato prima soccorso e poi rintracciato dai carabinieri. 

Il movimentato episodio è avvenuto nel pomeriggio di ieri a Ceciliano. L'uomo, di origini siciliane e con numerosi precedenti penali alle spalle, ha preso di mira una signora che, alla giuda della propria utilitaria, percorreva la stessa strada ma in direzione opposta. Il malvivente l'ha seguita e appena la donna è scesa dalla vettura per una commissione, l'ha avvicinata. Le ha detto che lo aveva urtato e che la botta aveva mandato in frantumi lo specchietto della sua Panda. Poi ha recitato un canovaccio ormai collaudato, proponendole di mettersi d'accordo - senza "scomodare" assicurazioni e forze dell'ordine - per un pagamento diretto del danno. Ma la donna, una sessantenne, non ha perso tempo e ha subito chiamato il 112. A quel punto l'uomo si è allontanato. 

Intanto i militari del nucleo radiomobile di Arezzo hanno iniziato a cercarlo. Lo hanno rintracciato poco tempo dopo: aveva tentato la fuga imboccando la Setteponti, ma nella zona di Ponte Buriano con la sua Panda ha urtato un marciapiede e si è schiantato. Soccorso è stato portato all'ospedale San Donato in ambulanza: fortunatamente non ha riportato gravi traumi. 

Nel frattempo i militari dell'Arma stanno portando avanti gli accertamenti del caso: è probabile, infatti, che altre persone siano state raggirate. A questo proposito, se qualcuno avesse vissuto un'esperienza simile può rivolgersi ai Carbinieri.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lampi e tuoni, come calcolare la distanza di un temporale

social

La leggenda di Matelda, la "vedova nera" dei Conti Guidi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento