"Servono soldi per un'ambulanza". Raffica di truffe ad Arezzo, la Croce Bianca: "Non aprite, non siamo noi"

Sedicenti volontari bussano porta a porta per raccogliere denaro. Ma l'associazione di volontariato di via dell'Anfiteatro mette in guardia: "Non siamo noi, state attenti"

Raffica di segnalazioni di truffe porta a porta ad Arezzo. Ci sarebbero persone che si fingono volontari della Croce Bianca, chiedendo soldi per l'acquisto di mezzi di soccorso per l'associazione. "Ma di certo non siamo noi - dicono dalla Croce Bianca di Arezzo - anzi diffidiamo chiunque a usare il nostro nome". E l'invito è quello di non aprire la porta ai sedicenti volontari. Nel corso di questa mattinata sono già tre le segnalazioni arrivate alla sede dell'associazione di pubblica assistenza di via dell'Anfiteatro. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fiordaliso, lite con il capotreno nella tratta Arezzo-Roma: "Ho dovuto pagare il biglietto per due chihuahua"

  • Batterio killer New Delhi in Toscana: arrivano i test rapidi. E Mugnai scrive al ministro della Salute

  • "Siamo increduli e addolorati, Federico conosce solo il lavoro". Così gli amici di Ferrini, accusato di omicidio

  • Pensionato trovato morto in un oliveto: dramma in Valdichiana

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Omicidio di Maria, ieri il funerale della donna. Ferrini e le sue paure: "Temeva un danno di immagine sul lavoro"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento