Tornano in Italia malgrado i divieti: preso trio di "ladri professionisti"

Hanno esibito i passaporti alla Polstrada, che ieri li aveva fermati sull’A1 al casello di Valdichiana, certi di non essere riconosciuti. Ma il loro nuovo viaggio in Italia è durato poco. I tre malviventi, tutti trentenni provenienti...

Hanno esibito i passaporti alla Polstrada, che ieri li aveva fermati sull’A1 al casello di Valdichiana, certi di non essere riconosciuti. Ma il loro nuovo viaggio in Italia è durato poco.

I tre malviventi, tutti trentenni provenienti dall'Albania, sono stati fermati da un equipaggio della sottosezione di Battifolle. Gli stranieri avevano pianificato la trasferta via terra e non via mare, pensando che così avrebbero potuto eludere i controlli di polizia. Non potevano prevedere che, percorrendo l’Autostrada del Sole, si sarebbero imbattuti nel dispositivo a reticolo che, su input della direzione centrale delle specialità della polizia era stato attivato sulle strade di tutta la Toscana.

I malfattori viaggiavano su una Volkswagen grigia. Non avevano un aspetto rassicurante e i poliziotti hanno avuto fiuto. Da controllo è emergo che i tre erano vecchie conoscenze della polizia ed erano stati già arrestati per furti nelle case in Svizzera, Umbria e Marche. In occasione dell’ultimo colpo, per sottrarsi alla cattura, hanno pure speronato un’autovettura delle forze dell’ordine che li inseguiva. I tre, definiti dal magistrato di sorveglianza di Perugia come ladri professionali, dopo la condanna erano stati condotti in Albania, con il divieto di rientrare in Italia per cinque anni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per loro sono scattate di nuovo le manette. I poliziotti li hanno arrestati per violazione del divieto di reingresso in Italia, applicando la normativa Bossi-Fini. Il tribunale di Arezzo ha convalidato l’arresto, consentendo la loro immediata espulsione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Schianto frontale e strada chiusa: 4 feriti, di cui tre ragazzi. Grave una 42enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento