Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un tonno trasportato per le vie del centro e scaricato in ascensore: il video shock. Scattano i controlli della Asl, chiuso locale

La scena è stata ripresa da alcuni avventori. Gli ispettori del servizio igiene sono intervenuti per degli accertamenti sulle attività

 

Una scena incredibile.
Un tonno di svariate decine di chili trasportato su un carrello senza alcuna protezione e poi scaraventato dentro ad un ascensore.
La scena che si sono trovati davanti agli occhi alcuni avventori di via Madonna del Prato è proprio questa.

Immagini incredibili quanto singolari che non sono certo passate inosservate tanto che sono state immortalate in un video che, neanche a dirlo, ha fatto il giro del web in un istante.

"Lo vedete? Strofina per terra. E poi, visto che non entra dentro all'ascensore con il carrello, ecco che lo gettano dentro alla cabina così, senza alcuna protezione. Dopo questo trattamento che uso ne è stato fatto del pesce?". Domande che chi ha girato il video, come si evince dall'audio, si è posto anche in considerazione del fatto che all'interno dell'ex cinema Politeama si trova un ristorante giapponese che, tra i suoi piatti, ha pietanze a base di pesce crudo.

Poco dopo la realizzazione e diffusione, il girato è stato trasmesso anche agli ispettori del servizio igiene della Asl di Arezzo i quali sono stati sollecitati nell'effettuare controlli e perquisizioni all'interno dell'esercizio.

Così nei giorni scorsi è scattato il blitz della Asl che sono intervenuti subito dopo aver ricevuto la segnalazione.
In seguito all'attività ispettiva, i tecnici della sicurezza alimentare, hanno disposto la chiusura temporanea del ristorante giapponese che si trova all'interno della struttura poiché, come riferito, sono state rilevate delle importanti carenze dal punto di vista igienico-sanitario. Al locale è stata comminata la massima sazione ed è stato imposto l'obbligo di colmare le lacune. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento