menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

“Nessuna azione minacciosa”: Daspo sospeso per un tifoso aretino

Il Tar ha sospeso il Daspo nei confronti di un 31enne aretino per i disordini in Cannara-Sangiovannese dello scorso aprile

Potrà tornare allo stadio quanto prima il 31enne tifoso aretino che lo scorso aprile era stato sanzionato con 18 mesi di Daspo (il divieto di accesso alle manifestazioni sportive) per i disordini avvenuti durante una partita di Serie D in Umbria tra il Cannara e la Sangiovannese. Insieme a lui, a finire sotto la lente di ingrandimento della Questura di Perugia, era stato anche un altro tifoso azzurro insieme ad un minorenne folignate.

Il provvedimento era nato a seguito delle proteste dei tifosi valdarnesi per il prezzo dei biglietti giudicato troppo elevato. I due aretini, entrambi incensurati, avevano provato a forzare il blocco di polizia, come poi spiegò la Questura di Perugia.
Ai tifosi aretini venne comminato il Daspo, rispettivamente di un anno e un anno e 6 mesi.

Ieri però il tifoso che avrebbe potuto rimettere piede dentro ad uno stadio tra 18 mesi, seguito dall’avvocato Giulio Ciabattini, si è visto sospendere il provvedimento davanti al Tar presso il quale aveva fatto ricorso. Nell’occasione è stato archiviato anche il procedimento penale per resistenza e minacce nei confronti degli agenti di polizia e di una barista perchè non è stata rilevata alcuna azioneminacciosa o violenta” da parte del 31enne.

Nell’aprile del 2020 la sospensione del Daspo potrebbe diventare definitiva.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Gossip Style

    La nuova frontiera social: postare foto senza trucco

  • social

    Zecchino d’Oro: aperti i casting online per la Toscana

  • Gossip Style

    Estate 2021, la moda delle perline colorate

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento