Cronaca

Aretine aggredite in trasferta, udienza preliminare per i due tifosi della Lucchese

I due imputati riconosciuti colpevoli dell'aggressione avranno un'udienza preliminare dove si deciderà del loro rinvio a processo

Il pm di Lucca Enrico Corucci ha richiesto il rinvio a giudizio per i due tifosi della Lucchese riconosciuti come responsabili dell'attacco violento ai danni di 5 tifosi amaranto che stavano avviandosi verso Arezzo al termine della partita del 16 settembre scorso.

Il gip del tribunale di Lucca, città dove si sono svolti i fatti, ha fissato l'udienza preliminare per il 10 luglio prossimo. Gli accusati sono un 33enne e un 39enne che avrebbero agito in concorso tra loro e con altri tifosi rossoneri non identificati.

Quella sera le vittime dell'agguato furono 3 donne, assistite dall'avvocato Tiberio Baroni, tifose dell'Arezzo in trasferta, che vennero assalite mentre si trovavano già in auto, con alla guida Barbara Donati. I due salirono sul tetto e sul cofano della macchina danneggiandola con sbarre, mazze, bastoni e catene, due tifose rimasero ferite, una alla spalla e una alla testa. Per entrambe furono riconosciuti 20 giorni di prognosi.

I due tifosi della Lucchese non si fermarono qui, come ha ricostruito il pm, perché passarono poi all'attacco di una seconda auto della carovana amaranto per fortuna senza grosse conseguenze.

Nei confronti dei due imputati l’accusa è di lesioni personali in concorso con l’aggrande dell’uso di un’arma.

L'aggressione avvenuta fuori dal Porta Elisa

"Mai avuta una paura così"

La solidarietà di Gravina alle tifose

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aretine aggredite in trasferta, udienza preliminare per i due tifosi della Lucchese

ArezzoNotizie è in caricamento