Cronaca

Covid: +1.062 casi in Toscana. Al via test antigenici gratis per studenti e famiglie, come richiederli

Il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, anticipa i dati riguardanti la diffusione del virus. Federfarma invece annuncia l'avvio della campagna "Scuola sicura"

Sono 1.062 i nuovi positivi in Toscana. A darne comunicazione è il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani che, attraverso i social dà conto dell'andamento dei contagi Covid. "Su 22.677 test effettuati - spiega - i nuovi casi registrati in Toscana sono 1.062". Per quanto concerne gli screening 12.251 sono tamponi molecolari e 10.426 test rapidi. Il tasso dei nuovi positivi è 4,68% (12,0% sulle prime diagnosi).

Nel frattempo Regione Toscana, Federfarma e Cispel Toscana hanno annunciato l'avvio ufficiale dell'attività di test antigenici rapidi per la popolazione scolastica. Da domani, mercoledì 24 marzo, gli studenti, i loro genitori, nonni e familiari avranno accesso gratuito ai test presso le farmacie aretine che hanno aderito al piano convenzionale “Scuola sicura”.

"Per agevolare lo screening sulla popolazione scolastica il piano Scuola sicura - spiega Roberto Giotti, presidente di Federfarma Arezzo - darà accesso gratuito ad un test antigenico rapido al mese da fare in farmacia attraverso la sottoscrizione del modulo di autocertificazione e del consenso informato da parte dei cittadini interessati, che devono essere assolutamente asintomatici al momento dell’effettuazione del test. Le farmacie territoriali di comunità diffuse in maniera capillare su tutto il territorio aretino, dando seguito alla normativa nazionale e regionale, si sono quindi rese disponibili come centri di accesso prossimale, agevole e immediato, all’effettuazione dei test anti-Covid anche per favorire un efficace quanto indispensabile tracciamento sociale”.

L’attività di testing è rivolta ai soggetti asintomatici che siano scolari e studenti (0-18), i loro genitori, anche se separati, non conviventi o tutori affidatari. Possono fare il test anche fratelli o altri familiari conviventi compresi i nonni non conviventi. Ammessi anche gli universitari anche se frequentanti università fuori regione e quelli che seguono percorsi di istruzione e formazione professionale nonché aspiranti concorsuali. Accesso garantito anche per il personale scolastico delle scuole di ogni ordine e grado e dei servizi educativi dell’area 0-3 anni, oltre al personale degli enti di formazione professionale. Esclusi invece i cittadini che presentano sintomatologia riferibile alla infezione da Covid-19 quali febbre, tosse, mal di gola, mal di testa, raffreddore, debolezza, affaticamento e dolore muscolare.

“Le prestazioni diagnostiche di screening volte ad accertare la presenza di contagi – approfondisce Giotti – Le farmacie private che stanno aderendo al servizio sono nelle condizioni di consentire la possibilità di effettuare tamponi antigenici rapidi e test sierologici direttamente in un locale interno, separato e dedicato, o in appositi gazebo esterni”.

L’esecuzione dei test avverrà su appuntamento con la farmacia aderente al servizio e nel rispetto della norma di prevenzione della diffusione del Covid-19. La farmacia acquisirà i dati del soggetto a cui ha effettuato il test e trasmetterà il risultato utilizzando la app regionale così da favorire i successivi, ed eventuali, provvedimenti da parte della unità speciali Covid della Asl Toscana sud est al paziente.

"L’effettuazione dei test antigenici rapidi ripetuti nel tempo a tutta la popolazione scolastica – conclude Giotti - possono dare un contributo rilevante e molto prezioso nella ricerca dei dati, nella mappatura e quindi nella valutazione epidemiologica della diffusione di Covid-19”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid: +1.062 casi in Toscana. Al via test antigenici gratis per studenti e famiglie, come richiederli

ArezzoNotizie è in caricamento