Sabato, 12 Giugno 2021
Cronaca Pescaiola

Dramma a Pescaiola, si punta una lama sulla pancia e urla: "Mi uccido". Carabiniere la disarma e la salva

Intervento del 118 e militari dopo l'allarme della figlia

"Guarda un po' che cosa ho qui?". La donna si è voltata e la sua distrazione è stata decisiva: uno dei carabinieri l'ha disarmata, mettendo al sicuro lei e le altre persone nella stanza. Suicidio sventato sabato mattina a Pescaiola, dove i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della compagnia di Arezzo, guidata dal maggiore Pierfrancesco Di Carlo, sono intervenuti dentro un alloggio in cui convivono mamma cinquantenne e figlia 30enne. Quest'ultima aveva chiamato il 118 perché la madre, da tempo malata e caduta in un forte stato di agitazione, aveva impugnato un lungo e affilato coltello da cucina, minacciando: "Mi uccido!".

La ricostruzione: dal tentato suicidio, al coltello bloccato

All'arrivo dei sanitari la situazione non era cambiata. La donna aveva preso la lama, minacciando anche i soccorritori: si sarebbe scagliata contro di loro se si fossero avvicinati per sottoporla a cure mediche. Così sono stati allertati i carabinieri che sono entrati nell'appartamento cercando di placare la signora. Invano. Questa si era stesa, nel frattempo, sul letto di camera, con la lama puntata sulla sua pancia. Così è stato messo in pratica un estremo tentativo per evitare la tragedia. Dopo trenta minuti di chiacchiere per allentare la tensione, uno dei militari ha preso in mano un oggetto che aveva alla sua portata, un foglio di carta, e ha attirato così l'attenzione della donna, dicendole di guardare nella sua direzione. Nel frattempo il collega è saltato sul braccio della signora, disarmandola. Il personale del 118 è riuscito poi a sedare la 50enne e a trasportarla all’ospedale San Donato. La donna sta bene ed è stata avviata ad un percorso di cura.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dramma a Pescaiola, si punta una lama sulla pancia e urla: "Mi uccido". Carabiniere la disarma e la salva

ArezzoNotizie è in caricamento