rotate-mobile
Cronaca Sansepolcro

Travolge in retromarcia un 17enne per vendetta: è tentato omicidio

In carcere un 23enne, l'episodio è avvenuto a Città di Castello, la vittima risiede nell'Aretino: prognosi da 40 giorni

Tentato omicidio in Valtiberina, a Città di Castello. La vittima è un minorenne, un ragazzo di 17 anni che vive in una casa famiglia nell'Aretino. E' stato travolto da un'auto in retromarcia guidata da un 23enne: la manovra sarebbe stata intenzionale. La polizia di Città di Castello ha sottoposto a fermo di indiziato il ragazzo di 23 anni, cittadino albanese, che dovrà per l'appunto rispondere di tentato omicidio.

La ricostruzione dell'accaduto

Secondo la ricostruzione della polizia, venerdì scorso 24 maggio il 23enne era al commissariato di Città di Castello per denunciare un’aggressione subita il giorno precedente da parte di due fratelli, il 17enne per l'appunto e un 26enne, cittadini egiziani. Il 23enne sarebbe rimasto ferito a seguito dell'aggressione denunciata. Quando è uscito dagli uffici della Polizia, in via Morandi, ha visto il 17enne per strada. A quel punto è salito in auto, una Volvo, e con una mavora volontaria ha lanciato l'auto contro il rivale in retromarcia e lo ha investito. Poi è scappato imboccando la E45. Il 17enne è stato portato d'urgenza all'ospedale di Città di Castello dove gli sono state riscontrate gravi lesioni, in particolare agli arti inferiori, giudicate guaribili in 40 giorni. Il fuggitivo è stato individuato grazie al gps del cellulare a Umbertide. Il 23enne ha tentato ancora di scappare, ma è stato bloccato e sottoposto alla misura del fermo. E' stato infine condotto nel carcere di Capanne, a Perugia, in attesa della convalida del provvedimento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Travolge in retromarcia un 17enne per vendetta: è tentato omicidio

ArezzoNotizie è in caricamento